Stati Uniti, Obama annuncia con un video la sua ricandidatura alla Casa Bianca

Nessun proclama per il presidente degli presidente degli Stati, ma solo la voce degli elettori per il lancio di una campagna che punta a raccogliere donazioni per un miliardo di dollari. Guarda il video

Da ‘Yes we can’ a ‘It Begins With Us’, ovvero ‘Tutto comincia da noi’. Con queste poche parole il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, il primo presidente di colore americano, annuncia la sua ricandidatura per le elezioni presidenziali in programma nel 2012. Con uno spot inviato ai suoi sostenitori via e-mail ed sms (e visualizzabile in fondo a questo articolo) Obama conferma la sua ‘vocazione 2.0’, un modo di interagire direttamente con i suoi elettori attraverso la Rete e non tramite annunci televisivi. Nel video nessun messaggio solenne alla nazione, ma solo la voce degli americani che raccontano come è vissuta la politica nella vita di tutti i giorni. Alice del Michigan, Ed della North Carolina, Gladys del Nevada e tanti altri americani, raccontano direttamente con la loro voce le proprie speranze, i dubbi e le esperienze di tutti i giorni.Come nel 2008, per vincere il presidente si appoggia al sostegno popolare, il coinvolgimento di tutti.

“La politica in cui crediamo – esordisce Obama in una breve nota che accompagna il video – non comincia con costosissimi spot tv o altre stravaganze, ma da te, dalla gente che organizza il porta a porta, parla con i vicini, con i colleghi di lavoro. Ed è questa il tipo di campagna che intendiamo mettere in piedi”.
Per la rielezione Obama potrà contare sulle buone notizie dal fronte occupazione e un tasso di disoccupazione al livello più basso degli ultimi due anni, ma dovrà anche affrontare le critiche per una ripresa ancora debole e tre guerre impopolari. I detrattori di Obama fanno leva sulle promesse mancate come la chiusura della prigione di Guantanamo, una riforma della sanità fatta solo a metà e politiche fiscali ed energetiche non adeguate. Nel suo messaggio Obama ammette che i cambi promessi “non vengono mai velocemente o facilmente come si vorrebbe” e chiama tutti a “combattere per i progressi” che la sua amministrazione”ha compiuto in questi anni”.
Per la nuova campagna gli strateghi del presidente mirano a raccogliere in donazioni ben un miliardo di dollari. Anche per questo Obama sottolinea il “bisogno del tuo aiuto, nella tua città, nel tuo comune, in tutto il Paese”. Come dire, il suo staff può studiare la comunicazione più efficace, il modo
come usare al meglio alle nuove tecnologie. Ma non basta. I voti si raccolgono come sempre con il lavoro della base, pancia a terra, ogni giorno, parlando direttamente con le persone, cercando di convincere i delusi a tornare a votare per Barack.