Movimento dei Forconi: Previsto nuovo blocco in Sicilia

Il movimento dei Forconi non demorde e annuncia nuove battaglie. Infatti sta per abbattersi sulla Sicilia, e sul resto dello Stivale, una nuova ondata di scioperi organizzati dagli autotrasportatori. Il leader del movimento, Mariano Ferro, ha comunicato la scelta dei Forconi di aderire al blocco dell’autotrasporto a partire dal 28 aprile e ha dichiarato:

Bloccheremo di nuovo la Sicilia  perché di fronte all’indifferenza del governo regionale e con Lombardo impegnato a evitare il processo, non possiamo più perdere tempo. Lombardo e i suoi assessori hanno snobbato l’economia siciliana che è andata a fondo”. Saranno due le date particolarmente calde per il trasporto su gomma. Catania, il prossimo 28 aprile, ospiterà la manifestazione dell’Unatras (sigla di categoria di cui fanno parte FAI, Fita Cna e Confartigianato Trasporti).

Durante la manifestazione, i trasportatori invaderanno il centro con 5 camion privi di rimorchio, ma tutto ciò sarà un assaggio di ciò che accadrà  durante la grande mobilitazione nazionale organizzata per il 28 maggio da Trasportounito. Durante la manifestazione, i tir resteranno con i motori spenti per ben 5 giorni ed i Forconi siciliani coinvolgeranno anche altre categorie colpite dalla crisi, tra cui gli agricoltori.

«Questa volta non saremo più soli, a differenza di quanto è successo nello sciopero di inizio anno  abbiamo già preso contatti con gli altri attori nazionali e nessuno potrà più accusarci di essere pilotati dalla mafia» ha dichiarato Mariano Ferro che aggiunge: «Dall’inizio dell’annosi sono registrati 26 suicidi di imprenditori dovuti alla crisi economica. La nostra intenzione è quella di organizzare un vertice con tutti i presidenti delle Camere di Commercio dell’Isola per chiedere al governo interventi urgenti in favore delle imprese. In caso contrario inviteremo i cittadini a non pagare l’Imu».