MTV EMA 2012: Bieber, Swift e Psy trionfano a Francoforte


A Francoforte sul Meno domenica sera sono stati consegnati i premi del popolare EMA, manifestazione musicale di MTV che premia gli artisti internazionali più amati ed osannati dal grande pubblico (in primis adolescenti, voraci consumatori di video musicali), giunta alla diciannovesima edizione. Lo show, che ogni anno tiene incollati allo schermo milioni di spettatori non solo per la presenza di acclamati artisti, ma anche per le scenografie maestose e ad effetto, si è aperto quest’anno in un tripudio di fuochi, scintille, luci, con la presenza di acrobati, fiaccole e muri luminosi, in pieno stile circense.

A trionfare per il terzo anno di seguito nella categoria miglior artista maschile Justin Bieber, idolo delle teenager del momento, fresco di rottura con Selena Gomez e purtroppo assente alla premiazione. Il canadese Bieber ha inoltre portato a casa altri due premi:  miglior artista pop e miglior concerto MTV World Stage. Anche la 23enne Taylor Swift si è aggiudicata tre categorie: miglior artista femminile, miglior live e miglior look. Il premio per la migliore canzone è invece andato a ‘Call me maybe’, della cantautrice canadese Carly Rae Jepsen, finalista del reality “Canadian Idol”, che si è anche aggiudicata il riconoscimento Best push. Anche gli One  Direction, amatissima teen band, hanno riscosso un certo successo, vincendo sia nella categoria Miglior emergente che in quella Artista con più fan.

Ma il vero trionfatore di questa diciannovesima edizione degli EMA è stato Psy, il cantante rapper sudcoreano fenomeno del momento, che con la sua Gangnam style ha spopolato in radio, in tv ed in rete (con un’impennata di gradimenti su youtube), facendo parlare di se anche grazie al video che accompagna il brano, con relativa coreografia diventata anch’essa un tormentone (la cosiddetta danza del cavallo). Oltre ad aver vinto il premio come miglior video dell’anno, Psy ha fatto da mattatore della serata, coinvolgendo in un video la presentatrice della serata Heidi Klum, l’ex baywatch David Hasselhoff e una sessantina di ballerini non professionisti che, in perfetta divisa “gangnam”, fatta di giacca blu, camicia bianca e occhiali neri, sono saliti con lui sul palco a ballare.

Ad alternare le premiazioni svariate esibizioni, dai Muse, ai Killers ed Alicia Keys, che ha presentato il suo ultimo singolo ‘Girl on fire’, fino ad un filmato commemorativo su Whitney Houston, con la partecipazione di diversi artisti che si sono espressi in sua memoria. All’artista prematuramente scomparsa è andato inoltre il premio Icona Mondiale.
Delusione amara per la favorita Rihanna, candidata in ben sei categorie, tornata a casa a bocca asciutta e mani vuote.