Ritiro governo. Letta contro Alfano:”Basta ministri in piazza o in tv”

LETTA CHIAMA A CONCLAVE IL GOVERNO, E' ORA DI FARE SPOGLIATOIO

Al via oggi il secondo giorno di ritiro del governo all’abbazia di Spineto, a Sarteano. ”Almeno oggi non piove” ha detto Letta su Twitter. Intanto la riunione si apre tra polemiche e malcontenti. “Se siete al governo per fare campagna elettorale, me ne vado. Non resto a palazzo Chigi a ogni costo“. Niente “spogliatoio“. Chiaro e deciso l’ultimatum di Letta stamane ad apertura del conclave. La causa è lo scontro con Angelino Alfano e Maurizio Lupi per la loro partecipazione alla manifestazione di Berlusconi a Brescia contro i pm

In apertura dei lavori del vertice informale di governo il premier Enrico Letta ha comunicato ai ministri riuniti quanto concordato con vicepremier e ministro dell’Interno, Angelino Alfano, nel corso del viaggio da Roma e cioè che “da qui alle elezioni amministrative i membri del governo non parteciperanno a manifestazioni elettorali né a dibattiti radio e tv che non siano incentrati sulle attività di governo“. Lo ha comunicato Gianmarco Trevisi, portavoce del presidente del premier Enrico Letta. Quanto è successo ieri a Brescia “è inaccettabile e non si può più ripetere perché le ricadute negative sul governo sono superiori alla capacità di tenuta dell’esecutivo“. Questo quanto ha aggiunto Trevisi riferendo la valutazione fatta da Letta sulla manifestazione di ieri del Pdl.“Il presidente Letta ha richiamato l’importanza del rapporto con l’opposizione, raccomandandosi con i ministri di dare grande attenzione” alle proposte e alle richieste provenienti dall’opposizione. Ha quindi agiunto Trevisi.