Regno Unito: 14enne vittima di bullismo su internet si suicida

Hannah-Smith-suicidaREGNO UNITO – Hannah Smith, 14 anni, si suicida perché vittima di bullismo su internet. La triste vicenda sta sconvolgendo il Regno Unito mentre impazzano opinioni contrastanti sulla pericolosità che il mondo del web in certi casi può comportare. Hannah era una ragazzina come tante, abituata a praticare il mondo di internet, ma un giorno ha deciso di togliersi la vita perché stanca di subire diversi abusi verbali da parte di alcuni utenti iscritti al sito Ask.fm tramite il quale si possono scambiare messaggi senza rivelare la propria identità, mantenendo quindi in sostanza l’anonimato.

Tanti gli insulti e gli attacchi rivolti alla ragazza. Qualcuno è addirittura arrivato a scriverle: “Se muori nessuno se ne accorge“. Il padre di Hannah, Dave Smith, sconvolto dalla perdita della figlia chiede che venga fatta giustizia. ”Quanti ragazzi si devono uccidere a causa degli abusi online prima che si faccia qualcosa?” ha dichiarato l’uomo chiedendo che il social network venga chiuso immediatamente. Quello di Hannah non è certamente un caso isolato ed è per questo che in Inghilterra si è aperto un vero e proprio dibattito  in merito al corretto utilizzo dei social network e in generale di internet.