Pesaro: truffa funerali, rubati pacemaker dai cadaveri

truffa-funerali-pesaro

Grave truffa sui funerali a Pesaro. Cadaveri sezionati per rubare dei pacemaker. Il nucleo di polizia Tributaria della Guardia di finanza di Pesaro per due lunghi anni ha condotto un’indagine soprannominata ‘Lazarus’ in merito ad abusi che avrebbero commesso 5 necrofori messi ora agli arresti domiciliari e in servizio presso l’Ospedale San Salvatore di Pesaro. Sembra che gli accusati si occupassero di vestire i defunti per il funerale prendendo i soldi che avrebbero invece dovuto versare all’azienda sanitaria. Queste persone si recavano anche a casa dei defunti per vendere alle famiglie dei corredi funerari. In media si facevano corrispondere circa 500 euro che sottraevano alle casse dell’ospedale.  La cosa più grave è che risulta che da alcune salme sono stati asportati in maniera illegale dei pacemaker. I corpi dei defunti venivano poi abbelliti attraverso delle iniezioni di formalina in modo che nessuno potesse accorgersi della terribile truffa. Oltre a queste 5 persone risultano indagate altre 29 fra cui medici e impresari funebri accusati di peculato e truffa.