Bracconaggio: uomo condannato per furto ai danni dello Stato

VARESE –  Un mobiliere di settant’anni con la ‘passione’ per il bracconaggio agli uccelli, è stato condannato dal Tribunale di Varese a pagare un’ammenda di 300 euro e a sei mesi in affido ai servizi sociali, per aver piazzato delle trappole in una villa a Venegono Superiore.

img_0073

L’uomo era stato arrestato martedì dal Sita (Servizio interprovinciale tutela animali), con i Carabinieri della Compagnia saronnese, con l’accusa di furto ai danni dello Stato (proprietario dei volatili catturati) e di violazione sulle norme sulla caccia.

Questa sentenza conferma la piena applicabilità della teoria del bracconaggio come furto ai danni del patrimonio indisponibile dello Stato, confermando non solo che tale teoria giurisprudenziale è totalmente viva ed applicabile, ma ha anche avallato l’arresto in flagranza per i casi più gravi di bracconaggio contro ogni regola ed al di fuori di ogni disciplina di legge.