Londra, donne schiave per 30 anni: gli aguzzini sono già liberi

londra-schiaveLONDRA – La liberazione di tre donne tenute in stato di schiavitù per oltre 30 anni a Lamberth, quartiere a sud-ovest di Londra, era avvenuta il 25 ottobre scorso. I due aguzzini, marito e moglie ultrasessantenni, sono stati arrestati ieri. Oggi la polizia britannica ha reso noto la loro scarcerazione dietro cauzione, in attesa di informazioni supplementari.

Le tre donne, segregate per anni, hanno età diverse. La più giovane è britannica e ha 30 anni: tutti trascorsi imprigionata tra quattro mura. Con lei una donna malese di 69 anni e una irlandese di 57. Sarebbe stata una distrazione degli aguzzini a sancire la liberazione. I due, infatti, hanno lasciato la televisione accesa proprio mentre andava in onda su Sky un documentario sui matrimoni forzati con una intervista ad Aneeta Prem, fondatrice della Freedom Charity, associazione che soccorre i disagiati.  Una delle tre donne ha avuto il coraggio di annotarsi il numero in sovraimpressione, per poi chiamare e chiedere aiuto.

Dopo la liberazione lo scorso 25 ottobre, per gli agenti dell’unità anti-schiavitù ha avuto inizio il lavoro più difficile per non compromettere l’esito delle indagini e giungere all’arresto dei due sospettati.