Privatizzazioni: ecco le società messe in vendita dal governo Letta

Enrico Letta

Al via il piano di privatizzazioni del governo Letta per convincere la Commissione Ue a garantire all’Italia la possibilità di maggiori investimenti senza appesantire il deficit/Pil.
Ecco le otto società che saranno interessate dal piano di privatizzazioni da 10-12 miliardi di euro:

Eni, attualmente la principale società italiana per capitalizzazione di Borsa è partecipata dal Tesoro al 4,3%, mentre un pacchetto del 25,8% è stato ceduto alla Cassa depositi e prestiti. Lo Stato è quindi ora al 30,1% del capitale, oltre la soglia d’Opa del 30%: il livello superato il quale un investitore è obbligato a lanciare un’offerta di acquisto sull’intera società.

Fincantieri è uno dei leader mondiali nella cantieristica navale, con 21 sedi operative nel mondo (da Porto Marghera alla Liguria, andando fino agli Emirati Arabi), 3 centri di progettazione, un centro di ricerca in campo navale e due fabbriche di sistemi e componenti meccaniche ed è di proprietà di Fintecna.

Sace si occupa di sostegno delle imprese nelle esportazioni e assicurazione del credito. Presta garanzie finanziarie e protegge gli investimenti fatti all’estero, con un volume di operazioni assicurate da 70 miliardi in 189 Paesi.

Cdp Reti è una holding che in questo momento controlla la maggioranza di Snam, la società che gestice la rete del gas in Italia, e il 14% di Metroweb, l’azienda che possiede la fibra ottica nelle più importanti città del Paese, già appartenuta a Fastweb.

Cdp Tag è il gasdotto che assicura le forniture di metano dalla Russia, nel suo ultimo tratto nei paesi dell’Est e in Austria fino al confine del Tarvisio. Già di proprietà dell’Eni, la Ue ha costretto l’azienda italiana a cederla. L’ha presa Cdp che ora, con tutta probabilità, la girerà a Snam e finirà quindi in Cdp Reti.

Grandi Stazioni è la società che ha il compito di ‘riqualificare, valorizzare e gestire‘ le tredici principali stazioni ferroviarie italiane. Nel piano è prevista anche la vendita di Centostazioni, la società che sta riqualificando 103 stazioni di dimensioni minori.

Enav. L’Ente nazionale di assitenza al volo è controllato al 100 per cento dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, mentre la vigilanza spetta al dicastero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Di fatto, controlla e assiste la navigazione di 1,6 milioni di voli e 40 aeroporti, pubblica le informazioni necessarie per l’operatività del traffico aereo, i bollettini meteo e, oltre ad altre attività, forma il personale.

StMicroelectronics è una società italo-francese, nata dalla fusione tra la Sgs del gruppo Olivetti, poi passata all’Iri e la Thomson processori. Specializzata nella realizzazione di componenti per l’elettronica di consumo, è quotata alle Borse di Parigi e Milano.