Terni, come Pietro Taricone: paracadutista si schianta al suolo

incidente-paracadutista-massimiliano-come-pietro-taricone

L’incidente accaduto al paracadutista romano di 42 anni ricorda quanto accaduto a Pietro Taricone quasi cinque anni fa: è morto precipitando nel medesimo luogo, zona Terni. Massimiliano Piraccini è la vittima, partito dalla locale aviosuperfice Alvaro Leonardi, la stessa dell’attore di Frosinone, e una volta lanciatosi l’uomo avrebbe cercato di aprire regolarmente il paracadute, ma non riuscendoci ha provato ad aprire quello di emergenza. La manovra, però, sarebbe stata avviata troppo tardi, a poche centinaia di metri da terra: il paracadute non ha avuto il tempo di gonfiarsi, schiantandosi così al suolo in un campo nei pressi di un casale abbandonato a circa un chilometro dall’aviosuperficie. I tentativi del 118 di rianimarlo sono stati inutili, e intanto è stata sequestrata tutta la strumentazione del paracadutista.

Sandro Corradi, presidente dell’Atc di Terni, la società che gestisce l’aviosuperfice, dichiara: “Massimiliano Piraccini aveva alle spalle più di mille lanci. – Prosegue – Frequentava da anni assiduamente la struttura, dove era molto conosciuto. Era lui stesso a fare le riprese dei lanci. – Ha detto Corradi – il vento non era molto forte in quanto soffiava sotto i 10 nodi”. Chiude dicendo che era espertissimo: “stava più in aria che in terra”.

TARICONE SI SCHIANTA COL PARACADUTE, E' IN FIN DI VITAE’ impossibile non paragonare questa tragedia allo stesso destino toccato a Pietro Taricone, che all’epoca dei fatti il giudice delle indagini preliminari stabilì che l’errore fu umano eseguendo una manovra errata o azzardata. Taricone fu ricoverato all’ospedale di Terni per arresto cardiaco, fratture multiple ed un’emorragia interna. Fu anche sottoposto ad un intervento di chirurgia molto delicato che durò nove ore, che tuttavia non gli salvò la vita, morendo all’indomani dell’incidente.