Yara Gambirasio, il compagno di cella di Bosetti: “Attratto dalle regazzine in tv”

omicidio-yara-gambirasio-massimo-bosetti

La notizia è riportata da Libero Quotidiano: ancora una volta in primo piano troviamo il caso dell’omicidio della giovane Yara Gambirasio, uccisa a Brembate Sopra il 26 novembre 2010 e ritrovata tre mesi dopo in un campo di Chignolo d’Isola. Un compagno di cella di Massimo Bosetti, l’uomo sospettato di essere assassino della ragazzina, avrebbe confessato al pm Maria Letizia Ruggeri che Bosetti mostra un particolare interesse ai programmi tv in cui sono presenti le ragazzine.

Secondo il quotidiano on line queste sarebbero state le parole del detenuto testimone: “Ci sono delle immagini con ragazzine che avranno 15, 16, 17 anni con i fuseaux, lui gira e poi torna indietro. Oppure si sofferma su un’immagine. Magari mentre sta scrivendo“. E tuttavia precisa: “Ovviamente magari questo non vuol dire nulla. Però ho notato che si sofferma sulle ragazzine, sia in televisione che sulle riviste“. Pare inoltre che Bosetti abbia mostrato un certo interesse nei confronti della sorella detenuto che ha 19 anni: “Bossetti dopo averla vista mi ha detto che era bella, ma proprio bella. – Prosegue il detenuto – Mi dispiace raccontare queste cose, ma credo sia giusto farlo

Tale notizia spunta proprio nel giorno in cui viene resa nota l’eventuale richiesta di rito abbreviato condizionato da parte di Massimo Bossetti. A spiegarlo è Claudio Salvagni, suo difensore, in vista della richiesta di rinvio a giudizio da parte del pm. “Escludo una richiesta di giudizio abbreviato secco – ha precisato -. L’abbreviato condizionato è una possibilità da considerare”. Questo rito comporta lo sconto di un terzo della pena.