Juventus: i bianconeri rischiano per il caso Marco Motta

La Juventus e i suoi due dirigenti Marotta e Paratici sono stati deferiti alla Commissione disciplinare presso il Settore tecnico della Figc e al Tribunale federale nazionale – Sezione disciplinare per il trasferimento di tesserati. Stesso provvedimento anche per Udinese e Genoa in quanto coinvolte per responsabilità oggettiva o diretta. La vicenda si riferisce al passaggio di calciatori o allenatori da un club all’altro.

Juventus: i bianconeri rischiano per il caso Marco Motta

Tre società, Juventus, Udinese e Genoa, assieme a nove tesserati, sono stati deferiti alla Commissione disciplinare presso il Settore tecnico della Figc e al Tribunale federale nazionale – Sezione disciplinare. I tesserati Andrea Stramaccioni (all’epoca dei fatti allenatore), Gino Pozzo (Consigliere di Amministrazione della Udinese Calcio S.p.A.), Franco Collavino (consigliere di amministrazione con delega di firma della Udinese Calcio S.p.A.), Cristiano Giaretta (direttore sportivo della Udinese Calcio S.p.A.), Giuseppe Bozzo (agente di calciatori fino al 25.10.2010), Marco Motta (calciatore all’epoca dei fatti tesserato in successione per la Udinese Calcio S.p.A., la A.S. Roma S.p.A. e la Juventus F.C. S.p.A.), Giuseppe Marotta (amministratore delegato e Direttore Generale Sport della Juventus F.C. S.p.A.), Alessandro Zarbano (amministratore delegato della Genoa Cricket & Football Club S.p.A.) e Fabio Paratici (direttore sportivo della Juventus F.C. S.p.A.) sono stati deferiti dal procuratore federale “per violazione dell’articolo 1 bis, comma 1, del codice di giustizia sportiva in relazione a quanto previsto dall’articolo 20, comma 4, del regolamento “agenti di calciatori” in vigore fino al 31 marzo 2015″. Juventus e Udinese a titolo di responsabilità diretta e oggettiva, il Genoa per responsabilità diretta.

L’unico giocatore coinvolto è Marco Motta. Il laterale destro, in forza alla Juventus dal 2010 al 2015, ha militato per sei squadre nei 5 anni di tesseramento per i bianconeri, tra le quali Genoa e Udinese. I bianconeri rischiano una multa da 50 a 180mila euro o una penalizzazione in classifica da 1 a 2 punti.