Moviola Serie A: le sviste arbitrali della 15ª giornata

Moviola Serie A. Anche se gli arbitri e i guarda linee italiani sono riconosciuti come tra i migliori al mondo, in Serie A ad ogni giornata non mancano mai le sviste e gli errori da parte della terna arbitrale, che possono influire in un modo o nell’altro sull’esito della partita. Ecco una sintesi delle sviste arbitrali della 15ª giornata.

Moviola Serie A: le sviste arbitrali della 15ª giornata

Lazio-Juventus 0-2: arbitro Banti
Non ci sono stati episodi o errori da analizzare, la conduzione arbitrale non ha avuto grosse difficoltà.

Torino-Roma 1-1: arbitro Damato
Non era da rigore l’intervento di Manolas su Belotti: nell’azione si vede Maxi Lopez che trattiene e sbilancia Manolas. Il difensore giallorosso con la gamba destra riesce comunque a colpire il pallone e lo manda in angolo, ma il guardia linee ravvisa una scorrettezza di Manolas e indica a Damato di fischiare il penalty. Nainggolan avrebbe meritato il secondo giallo e la conseguente espulsione per un’entrata con il piede a martello su Baselli. Regolare il gol di Pjanic, perché Dzeko, il giocatore che va sulla traiettoria della punizione, non è in fuorigioco al momento del calcio.

Inter-Genoa 1-0: arbitro Giacomelli
Giusta l’espulsione per D’Ambrosio. Non era da annullare il gol di Ljajic, tenuto in gioco da Izzo. Sbagliato anche il giallo per simulazione a Perotti nel finale visto che il genoano è stato colpito da Miranda.

Bologna – Napoli 3-2: arbitro Mazzoleni di Bergamo
Il primo gol del Bologna era da annullare perché Destro ha un piede oltre Albiol sul lancio di Diawara. L’azione si sviluppa con un lancio improvviso a circa 30 metri dalla posizione dell’attaccante che è in fuorigioco di pochi centimetri. Proprio perché gli assistenti italiani sono di sicuro i migliori al mondo (cosa riconosciuta all’estero, senza ombra di dubbio), pure un errore simile fa notizia. Per il resto, in avvio manca il giallo a Koulibaly per lo sgambetto su Mounier. Il Napoli s’infuria per un mancato vantaggio concesso dall’arbitro dopo un fallo di Destro: in effetti Insigne aveva la possibilità di far male al Bologna, sarebbe stato meglio non fermare l’azione. Nella ripresa, regolare il 3-0 (niente fallo su Allan).

Carpi -Milan 0-0: arbitro Irrati di Pistoia
Dovevano esserci due rigori: nel primo tempo Lasagna è messo giù da Donnarumma (a rischio rosso diretto nel caso Irrati avesse fischiato il fallo) in uscita che gli impedisce di continuare l’azione. Nel finale, su una mischia c’è un fallo da rigori di Lollo su Luiz Adriano.

Atalanta – Palermo 3-0:
 arbitro Russo di Nola

Non c’è fuorigioco sul vantaggio dell’Atalanta: sul tiro sbagliato di De Roon, c’è Gonzalez a tenere in gioco Denis che stoppa e segna. Espulsione giusta per Migliaccio nonostante fosse in campo da pochissimo: pianta i tacchetti sulla spalla di Brugman con un intervento scomposto. Giusto annullare il 4-0 a Denis: attivo il fuorigioco di Cigarini.
Fiorentina – Udinese 3-0: arbitro Guida di Torre Annunziata
Valido il gol di Kalinic che si trova In posizione regolare quando devia in modo decisivo il tiro di Badelj. Nella ripresa Badu (ammonito) stende Kalini e rigore concesso alla Fiorentina.

Frosinone – Chievo 0-2: arbitro Rocchi di Firenze
Rigore giusto: Diakité (vicino alla bandierina del corner) non riesce a proteggere il pallone e quando Meggiorini glielo sfila decide di affossarlo. Nel recupero espulso Pepe per somma di ammonizioni.

Sampdoria – Sassuolo 1-3: arbitro Mariani di Aprilia
Buona conduzione dell’arbitro che ha avuto anche vita abbastanza facile per i pochi episodi dubbi.

Verona – Empoli 0-1:
 arbitro Tagliavento di Empoli
L’entrata di Pisano su Saponara, sulla linea dell’area di rigore, meritava il penalty.

Aggiungi un commento!