Sindrome del Natale: 7 italiani su 10 odiano le feste natalizie

La Sindrome del Natale, ansia e stress dovuti alle feste natalizie, colpisce 7 italiani su 10 che professano così di odiare questo periodo dell’anno. È quanto emerso da un sondaggio condotto da Eurodap, Associazione Europea disturbi da Attacchi di Panico, che ha intervistato 1100 persone tra 20 e 60 anni. Il 70% delle persone afferma di non provare alcun entusiasmo rispetto alle Feste.

Sindrome del Natale, 7 italiani su 10 odiano le feste natalizie
Il 25 dicembre arriva ogni anno puntuale, non si può scappare questo è certo, ma non a tutti piace, anzi, con il sopraggiungere del periodo natalizio alcune persone iniziano a mostrare i primi sintomi della sindrome del Natale, ansia e stress provocati da tutto ciò che riguarda questa festa: corsa ai regali, cenoni, riunioni di famiglia, ecc ecc.
Sono sempre di più gli italiani che percepiscono il Natale in modo così negativo, e ci sono anche i numeri a dimostrarlo, quelli del sondaggio portato avanti dall’Eurodap.
Il quadro che emerge dalla lettura dei risultati non è a favore del Natale:

  • 7 italiani su 10 non vivono le feste natalizie con alcun tipo di entusiasmo, e anzi l’ansia è il sentimento più diffuso
  • 8 su 10 hanno paura del caos e del traffico di questi giorni
  • 7 su 10 sentono che questo periodo sia rischioso a causa del terrorismo
  • 1 su 2 non si muoverà da casa a causa di difficoltà economiche e per paura degli attacchi terroristici

Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, presidente Eurodap e direttore della Clinica dello stress, ha sottolineato come il sondaggio abbia evidenziato l’altissimo livello di stress e tensione con cui stiamo convivendo: all’incertezza economica si è aggiunta anche la paura del terrorismo a paralizzarci e farci sentire costantemente minacciati.
Sentimenti diffusi e dilaganti che influenzano anche il modo in cui viviamo una festa tradizionale e intima come il Natale.
E invece proprio durante queste feste, che consentono a tanti di riabbracciare familiari lontani e amici che non si riesce mai ad incontrare, si dovrebbe fare uno sforzo per aprirsi e organizzare occasioni di gioco, condivisione e spensieratezza.