Dolce & Gabbana lanciano “Abaya Line” per donne musulmane

Dolce & Gabbana hanno lanciato la loro prima collezione di moda per donne musulmane, intitolata “Abaya Line” , che prende il nome dal lungo camice di tessuto leggero che tradizionalmente copre tutto il corpo eccetto la testa, i piedi e le mani che indossano le fedeli islamiche. I due stilisti italiani non hanno solo disegnato abiti, ma anche tutti gli accessori da abinare come occhiali, gioielli, accessori e persino cosmetici (kajal, mascara e primer D&G). La collezione è stata presentata su Style.com/Arabia e sul profilo Instagram di Stefano Gabbana.

Dolce & Gabbana lanciano "Abaya Line" per donne musulmane

Si chiama “Abaya Line” ed è la prima linea di abiti firmata D&G dedicata alle donne musulmane. La collezione comprende hijabs in tessuti iper leggeri e toni scuri per coprire il capo e abaya, neri o beige, impreziosita dagli stilisti italiani con flash colorati e pizzo, applicazioni di fiori e inserti arabescati, stoffe ravvivate da margherite, limoni e pois. Al polso delle modelle pochette e Sicily bag in pitone colorato e coccodrillo.

Non è la prima volta che una casa di moda occidentale si rivolge al mercato musulmano: lo hanno già fatto Tommy Hilfigher, Dnky e marchi low cost come Mango e Zara.
Inoltre, qualche mese, H&M aveva reclutato una modella con l’hijab per promuovere ‘Close the Loop‘, la campagna pubblicitaria pensata per promuovere il riciclo dei vestiti.
Secondo un rapporto di Thomas Reuters, nel 2013 i Paesi musulmani hanno speso 366 miliardi di dollari (circa 340 miliardi di euro) in vestiti e calzature che, stando alle proiezioni, diventeranno 484 (circa 450 miliardi di euro) nel 2019.
Un mercato in espansione quello del womenswear in Medio Oriente, a cui le maggior case di moda non possono non tenere in considerazione per le proprie collezioni.