Contro Virginia Raggi: aperto fascicolo senza ipotesi di reato

L’argomento del quale Pd si sta occupando negli ultimi mesi è senza ombra di dubbio la neo sindaco di Roma, Virginia Raggi. Non sappiamo se nel frattempo il Pd stia facendo altro, ma una cosa è certa: impegna la maggior parte dei suoi componenti nella ricerca di qualcosa nel passato della Raggi.

Virginia Raggi si difende dalle accuse

La Procura di Roma, infatti, dopo aver ricevuto un esposto ha aperto un fascicolo in merito agli incarichi affidati a Virginia Raggi per l’Asl di Civitavecchia, prima ancora che diventasse sindaco di Roma. È ovviamente un fascicolo senza ipotesi di reato, aperto dopo l’esposto dell’Associazione Anlep (Associazione Nazionale Libertà e Progresso).

Si tratta del “modello 45”: inchiesta conoscitiva senza indagati né ipotesi di reato. Cercando un ombra nel passato della Raggi, durante queste elezioni elettorali, che gli hanno tenuto impegnato gli altri partiti a trovare scheletri nell’armadio, anziché nel proporre agli elettori un buon programma, ha portato la candidata grillina a dimostrare l’invalidità di accuse e la sua posizione attraverso la sua pagina Facebook.

Nella denuncia si legge:

L’avvocato Raggi avrebbe omesso di dichiarare incarichi e compensi per attività professionale svolta in favore dell’Asl di Civitavecchia negli anni 2012, 2014 e 2015, nel periodo in cui ricopriva l’incarico di consigliere presso l’Assemblea capitolina di Roma Capitale” e che si profilerebbe il “reato di falso ideologico in atto pubblico“.

Ma ancora prima della denuncia Virginia Raggi si era difesa così:

Ecco l’autocertificazione del 2015, nella quale specifico di aver svolto l’incarico, come legale fiduciario, per conto della Asl di Civitavecchia, percependo un acconto di 1.878,69 euro e specificando, tra l’altro, la data di emissione della fattura, vale a dire il 2014. L’autocertificazione è del 2015 perché è nel 2015 che percepisco – come recita l’allegato – il relativo compenso. Per quanto riguarda invece l’incarico del 2012 non ero ancora consigliere e non era previsto alcun albo speciale

Aggiungi un commento!