Terremoto oggi, Centro Italia: 73 il bilancio provvisorio delle vittime

Terremoto oggi, Centro Italia. La scossa di terremoto che ha colpito le cittadine in provincia di Rieti, questa notte, ha provocato numerose vittime. Il sisma di magnitudo 6.0 e con ipocentro a 4 km di profondità, ha cambiato il volto nella storia di Amatrice, Arquata del Tronto e Accumoli, gli epicentri maggiormente colpiti.

Terremoto oggi, in tempo reale: vittime tra Accumoli e Amatrice
Foto: ilfattoquotidiano.it

Il bilancio delle vittime è salito a 73, ma è un numero che va preso con la giusta cautela anche se è stato reso noto dall’Ansa. Le vittime sarebbero così distribuite: 35 ad Amatrice, 11 ad Accumoli. 17 invece i feriti portati nell’ospedale di Ascoli Piceno, mentre non si sa ancora nulla circa il numero dei dispersi.

Un’altra scossa che ha portato il panico nel campo sportivo, e diventato ora di accoglienza per i terremotati, è avvenuta alle 13:50 con una magnitudo di 4.7 a 8 km di profondità.

L’Italia è di nuovo in ginocchio, prima l’Aquila, poi L’Emilia Romagna e adesso la provincia di Rieti. Questi crolli non sono altro la fotografia di un Paese che non cambia. Mentre in altre parti del mondo, come in Turchia, terremoti più devastanti non provocano vittime perché sono stati effettuati i giusti interventi di prevenzione, mentre in Italia non si riesce ancora a stilare un giusto quadro precauzionale in base a criteri di priorità in modo compatibile con quanto disponibile.

Eppure le conoscenze geologiche dell’Italia sono avanzate. Se un terremoto non si può prevedere si può almeno intervenire nelle zone a rischio e costruire edifici antisismici più sicuri. Ma come al solito ci distinguiamo come il “Paese del dopo“, attivissimo nel portare assistenza ma scarsissimo nel prevedere queste catastrofi.