Orrenda la vicenda che si è consumata in provincia di Lille, in Francia. È stata trovata morta l’adolescente Angelique Six, scomparsa da casa il 15 aprile scorso, a Wambrechies.

Dopo giorni di ricerca purtroppo si è arrivati al triste epilogo: la 13enne è stata uccisa. Il suo killer è un uomo di 45 anni. La chiave per l’arresto del mostro è un amichetto della piccola Angelique Six. Un bambino di 10 anni ha infatti testimoniato di aver visto la 13enne entrare in un parco vicino casa insieme al suo carnefice.

Francia, Angelina Six trovata morta: arrestato il killer

L’uomo era già noto alle forze dell’ordine per il medesimo reato

L’uomo è un pregiudicato: nel 1994 è stato già accusato di rapina aggravata, stupro e violenza sessuale nei confronti di un’altra adolescente. L’uomo è anche sposato e ha dei figli e conosceva bene Angélique, viveva nel suo quartiere e l’aveva presa probabilmente di mira.

Lo stupratore ha confessato alla polizia che era nei suoi intenti violentarla sottolineando che ha “faticato” ad ucciderla. Dopodiché ha dato indicazione circa il luogo in cui ha sepolto la ragazzina, in una foresta di Quesnoy-sur-Deûle, dove è stata appunto ritrovata. Il corpo dell’adolescente adesso sarà sottoposto ad autopsia per fare maggiore chiarezza sulla dinamica di quanto accaduto.

Aggiungi un commento!