L’uovo, signore della tavola e della dieta

Induce il senso di sazietà senza introdurre troppe calorie e aiuta ad affrontare il regime dietetico senza “buchi allo stomaco”.

Fa venire il colesterolo. No, è buono, ricco di proteine nobili, vitamine e sali minerali ed è un valido alleato delle diete. Anzi, secondo uno studio pubblicato sulla rivista “International Journal of Obesity”, mangiare due uova a colazione, farebbe dimagrire più velocemente perché dona energie che evitano di sentirsi giù a causa delle ristrettezze alimentari.
Non solo. Dalla “Harvard School of Public Healths” arriva la rassicurazione più attesa: chi mangia uova non attenta al suo colesterolo (i medici ne consentono fino a due alla settimana anche a chi soffre di ipercolesterolemia), ma si mette al riparo dai problemi di cuore.

La tabella nutrizionale
Da un punto di vista nutrizionale l’uovo è un alimento importante per il suo alto valore biologico: contiene proteine, vitamine (A, B1, B2 e B12) e sali minerali (calcio, potassio, fosforo e ferro). Non solo: inducendo sazietà, è consigliato nelle diete. Ma per poter essere considerato un alimento davvero completo gli mancano la vitamina C, le fibre e gli zuccheri. Infine, un cenno sulle proteine: quelle dell’uovo sono migliori di quelle della carne, in virtù del maggior contenuto degli aminoacidi (lisina e metionina).
È stato accertato che tra i Paesi maggiori consumatori di uova al mondo come Giappone, Spagna e Francia, si registra la più bassa mortalità per malattie cardiovascolari. E pensare che in Italia il consumo è ancora inferiore rispetto a molti altri Paesi del mondo: 226 uova l’anno pro capite (circa 19 al mese) contro le 342 consumate dal Giappone.