Cassazione, nuova sentenza sulla marijuana

Politicain primo pianoCassazione, nuova sentenza sulla marijuana

Data:

La Cassazione ha deciso che coltivare una piantina di marijuana sul balcone di casa non è reato, sostenendo che il fatto, nonostante il rigido orientamento normativo sugli stupefacenti, non ha portata offensiva. Con questa motivazione i supremi giudici hanno respinto il ricorso del procuratore generale della Corte di Appello di Catanzaro contro l'assoluzione di un 23enne sorpreso con una piantina di marijuana sul balcone di casa a Scalea (Cosenza).

 

In particolare la Cassazione fa riferimento a un principio giuridico che tira in ballo la necessità che il possesso limitato di piante o principi droganti sia in grado di procurare danni.
Infatti in questo caso, coltivare una piantina in un piccolo vaso sul terrazzo di casa con un principio attivo di 16 mg, è un comportamento che deve essere ritenuto del tutto inoffensivo e non punibile anche in presenza di specifiche norme di segno contrario. Non solo non è punibile alcun comportamento non previsto dalla legge come reato, ma non è punibile nemmeno il reato che non procura danni a nessuno.

Share post:

Altre storie

Seguici su

50,320FansLike
527FollowersFollow
7,000SubscribersSubscribe

Leggi anche
Altre storie

Governo Draghi: ipotesi scioglimento Forza Nuova

Si fa avanti una nuova ipotesi sul tavolo di...

Donald Trump: ok alla trivellazione del Rifugio Artico protetto da 60 anni

Un'area tutelata in maniera rigida da 60 anni, che...

Bersani sul Coronavirus: “Se avesse governato il centrodestra i cimiteri non sarebbero bastati”

Durante l'ultima puntata di Carta Bianca, condotta da Bianca...

“Omnia Vincit Amor”: Matteo Salivini sbaglia il latino

È bastato uno sbaglio latineggiante di Matteo Salvini che...