John Lennon il pigrone

Un nuovo documentario sui Beatles, ci consegna l’immagine di un John Lennon pigrone e di un Paul McCartney iperattivo: è quanto afferma, in "Beatles Stories", Tony Bramwell, assistente dei Fab. Bramwell è convinto che i Beatles riuscirono a comporre molte belle canzoni specialmente grazie al lavoro di Paul McCartney, in quanto Lennon era molto pigro e non aveva molta voglia d'andare in studio. Tony afferma che John andò ad abitare in campagna, fuori Londra, perché lontano dai rumori della città si dormiva meglio, mentre, Paul era accanto agli Abbey Road Studios, in modo da poter andare in studio tutte le volte che ne aveva voglia, giorno o notte, se ne andava in giro per le sale anche a piedi nudi. John invece, per convincerlo a fare qualcosa, dovevano mandargli una macchina con l'autista. L’autore lo definisce per questo “maledetto pigrone”.

Tony da piccolo era il miglior amico di George Harrison, e con lui incontrava Paul durante i fine settimana. Quando Paul e John si incontrarono per la prima volta, Tony afferma di essere stato presente. Bramwell è anche autore del libro "Magical Mystery Tours (My life with The Beatles)".