Viaggio ecologico in Madagascar

Il Madagascar, la quarta isola del mondo per estensione, è uno dei Paesi col più ricco patrimonio naturalistico al mondo. L'isola essendosi staccata dall'Africa 160 milioni di anni fa, possiede molte specie che non si sono né estinte, né evolute. Un esempio su tutti, emblema della fauna locale, è il lemure, lontano "parente" di scimmie e gorilla. Oltre ai lemuri sono noti camaleonti, rettili, anfibi e uccelli endemici (che non è possibile trovare altrove nel mondo). Non ci sono invece mammiferi tipicamente africani come le antilopi, gli elefanti, le giraffe, i leoni, i leopardi. L'unico grande predatore è il fossa.

Per viaggiare in Madagascar conviene affidarsi a tour operator esperti ai quali la legislazione malgascia impone di avvalersi sempre di guide locali e alcune di queste parlano l'italiano. Secondo un avviso diramato di recente dalla Farnesina, la situazione politica sull’isola non è ancora ben definita e sono possibili manifestazioni di protesta. Conviene comunque informarsi di frequente, anche presso la propria agenzia di viaggio, per essere sempre aggiornati su quanto accade nell'isola. Per quanto riguarda i collegamenti aerei, Air Italy opera voli diretti da Roma Fiumicino all'isola di Nosy Be a partire da mille euro (a/r). Comunque si può partire da diversi aeroporti italiani scegliendo fra varie compagnie, come Air France e Klm. In questo caso si arriva ad Antananarivo. Non è obbligatoria alcuna vaccinazione, ma è consigliata la profilassi antimalarica. Necessario il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell'ingresso nel Paese e il visto, anche per turismo, che viene rilasciato direttamente in aeroporto all'arrivo esibendo in ogni caso il biglietto di ritorno. Il Ministero degli Esteri consiglia a chi si reca in Madagascar di segnalare l'arrivo all'Ambasciata d'Italia a Pretoria, registrando i dati relativi al viaggio su www.dovesiamonelmondo.it. Nell'isola i trasferimenti via terra hanno in genere tempi di percorrenza abbastanza lunghi perché le strade non sono sempre nelle migliori condizioni.

Diversi sono i tour operator italiani che propongono il Madagascar. Il Diamante ha di recente presentato il suo catalogo monografico sul Paese proponendo viaggi di scoperta sull'isola, di gruppo o individuali, con Air Madagascar da Milano e Roma (via Parigi), con accompagnatore in lingua italiana. Fra gli itinerari proposti c'è il "Mosaico Madagascar", (10 giorni, da 2.495 euro a persona) che propone un percorso fra Antananarivo, Isalo, Fianarantsoa, Antsirabe; oppure il "Viale dei Baobab" e costa Ovest (14 giorni, da 3.230 euro), con possibilità di tour privati in 4×4, e il Madagascar del Nord, partendo da Nosy Be alla volta di Antsiranana e le Montagne d'Ambre (10 giorni, da 2.300 euro). Anche Darwin Viaggi privilegia i viaggi alla scoperta del Paese, con tour di gruppo con guida in lingua italiana e partenze settimanali sia nel Sud malgascio, sia nella regione di Diego Suarez, a Nord. In più organizza tour individuali con autista (lingua francese) nell'estremo Sud e nella costa occidentale. Il 22 agosto Darwin ha in programma una partenza speciale, con guida in italiano, nel Nord e con soggiorno al mare a Nosy Komba (15 giorni/13 notti, quota 2.750 euro). 100 Tour Operator propone invece nove giorni (7 notti) all'Amarina Beach, resort 4 stelle a Nosy Be, raggiungibile in 4×4 dall'aeroporto attraverso una strada panoramica e con spiaggia riservata di oltre 800 metri. Le quote partono da 1400 euro a persona in doppia, fino al 31 ottobre.