Calciopoli: Corte Figc respinto ricorso Moggi, Giraudo e Mazzini sulla radiazione

Calciopoli conitinua: dopo la cronaca calcistica che  ha visto la Juventus e l'Inter contendersi ancora lo scudetto 2006, il procuratore federale della Figc, Stefano Palazzi, ha confermato la radiazione di Luciano Moggi, respingendo il ricorso presentato dall'ex direttore generale della Juventus, di Antonio Giraudo, ex amministratore delegato della società torinese, e di Innocenzo Mazzini, dopo la sentenza di primo grado.

 

Abbiamo sentito riparlare di Moggi per il suo ricorso a prescrivere la radiazione dal mondo del calcio e soprattutto per commentare il presunto illecito dell'Inter. Ma questa mattina è arrivata la risposta da parte del procuratore federale Palizzi:

 

"Non ci sono norme che prevedono una prescrizione della proposta di radiazione. Respingiamo questa richiesta. La prescrizione è infondata, e l’oggetto del giudizio di oggi resta la gravità di quei fatti già accertati. Anche attualizzandoli ad oggi, le loro posizioni non si sono modificate, e non sono mai state rimosse da alcuna sentenza. Tutti gli elementi nuovi, legati alle questioni delle altre società, non possono essere presi in considerazione"

 

Moggi potrò rivolgersi, ora a qualsivoglia corti di grado superiore e se vuole anche alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo, ma la sentenza è questa!

 

E' un osso duro da digerire per l'ex presidente della "Vecchia Signora", anche per Giraudo e Mazzini. Vista la prescrizione dell'Inter si è pensato di poter prescrivere anche questi altri atti. Ma non è andata così e la giustificazione del procuratore non lascia tanto spazio all'immaginazione. 

 

Però sembra tutto poggiarsi su un filo sottilissimo pronto a riaprirsi alla prossima sentenza.