30.8 C
Napoli
sabato, Luglio 31, 2021

Al Cairo: assalto all’ambasciata israeliana, scontri e sparatorie

Le storie pi lette

Non è servito a nulla il nuovo muro di protezione dell'ambasciata israeliana al Cairo, infatti in tarda serata, centinaia di dimostranti hanno dato l'assalto all'ambasciata, entrando dentro, lanciando documenti dalle finestre e costringendo l'ambasciatore ad una fuga precipitosa. Ora sarà il console israeliano, delegato agli Affari di Stato, rimasto al Cairo, a reggere l'ambasciata.

I feriti sono centinaia, ha riferito un testimone oculare raccontando all'Ansa:"Io ero lì stanotte, sul luogo degli scontri – ha detto la fonte – sono venuto a vedere cosa sta succedendo. Da quello che mi hanno raccontato gli addetti alle ambulanze in nottata ci sono stati centinaia di feriti, forse 400, e anche varie vittime".

Tuttavia il Premier Netanyahu ha chiamato Obama per chiedere aiuto, e il presidente ha invitato l'Egitto a garantire almeno la sicurezza della rappresentanza diplomatica. Nel frattempo il ministro della Difesa Ehud Barak, aveva già parlato con il suo omologo americano Leon Panetta e con l'inviato di Obama Dennis Ross, chiedendo che gli Usa si adoperassero per garantire la protezione dell'ambasciata. Sembra esserci comunque lo stato di allerta e i due hanno quindi concordato di rimanere in contatto fino a quando la situazione non sarà stata risolta; ha fatto sapere la Casa Bianca.

Attualmente girano in Egitto decine di mezzi blindati, e il ministro dell'interno egiziano ha revocato permessi e licenze delle forze di polizia, mentre il primo ministro ha convocato il gabinetto di crisi. Anche per Israele è stata attivata un'unità di crisi, presso la sede del ministro degli Esteri a Gerusalemme, dove è giunto anche il ministro Avigdor Lieberman.

Ricordiamo che ha scatenare le proteste era stata la decisione delle autorità locali di erigere una protezione a difesa della rappresentanza diplomatica istraeliana, oggetto di numerose manifestazioni, soprattutto dopo l'uccisione di cinque guardie di frontiera egiziane dopo gli attentati di Eilat. Secondo i manifestanti, l'Egitto dovrebbe seguire l'esempio della Turchia e del suo premier Recep Tayyeb Erdogan, che ha espluso l'ambasciatore israeliano e ha ritirato il suo in Israele in segno di protesta contro le mancate scuse per l'attacco alla flottiglia delle libertà lo scorso anno. Erdogan è atteso al Cairo lunedì, una visita che sta generando grande attesa.

Durante la mattinata invece è avvenuta una sparatoria davanti all'Università, che si trova a circa 500 metri dall'ambasciata israeliana. Decine di mezzi blindati dell'esercito e della polizia sono confluiti nell'area. Intorno all'ambasciata le strade sono invase da pietre, auto bruciate ed è ancora forte il fumo dei lacrimogeni, che durante la notte, la polizia ha sparato in aria per disperdere la folla, circa 2.000 persone.

Altre storie

Potrebbe anche interessarti

Maltempo, tromba d'aria e grandinate spaventose sull'A1

Maltempo, tromba d’aria e grandinate spaventose sull’A1

0
Una grandine violenta e un a tromba d'aria ha provocato una serie di danni in autostrada e in città. Sull'A1 tra Busseto e Fidenza...
Cerignola, incidente stradale: vittima un 45enne

Cerignola, incidente all’interporto: vittima un 45enne

0
Tragico incidente stradale nella località di Cerignola, in provincia di Foggia. Un uomo di 45 anni si trovava nell'interporto della provincia a bordo del...

Ultimi articoli