Vasco Rossi fa marcia indietro, Nonciclopedia riapre

Nonciclopedia non è più oscurato. Nei giorni scorsi il sito satirico decise di chiudere a tempo indeterminato per un azione legale di Vasco Rossi, a cui non è andato giù la sua biografia (finta) presente sul portale, chiedendo di toglierla tramite i suoi avvocati e per tutta risposta Nonciclopedia  ha deciso di chiudere dando la colpa al rocker emiliano. Questa decisione ha scatenato il putiferio sulla pagina di Facebook del cantante, inondata da pesanti minacce e insulti di molti utenti che lo accusavano di essere un ipocrita. Successivamente è stata creata una pagina dal nome Salviamo Noncicopledia, con l’intento di raggiungere i 2 milioni e 600 mila fan per competere con quella di Vasco Rossi e poter salvare il sito parodia di Wikipedia.

Nonciclopedia oggi ha deciso di riaprire chiedendo scusa al cantante con una lettere pubblicata sul proprio sito: “Chiediamo scusa se i contenuti della pagina di Vasco Rossi sono sembrati diffamatori, non c’è mai stata l’intenzione di offendere il cantante”. Inoltre la biografia satirica dedicata a Blasco è stata rimossa.

Aggiunge Nonciclopedia: “Cari lettori, ringraziandovi  per il caloroso sostegno, vogliamo innanzitutto chiarire che ci dissociamo dalla violenza con cui il web ha reagito alla nostra decisione di oscurare il sito. Il nostro intento non è mai stato quello di incitare l’utenza contro Vasco quanto quello di informarla dei fatti avvenuti. Ci scusiamo se i contenuti della pagina di Vasco Rossi sono sembrati diffamatori, non c’è mai stata l’intenzione di offendere il cantante. Aggiungiamo che non abbiamo responsabilità sulle presunte versioni della pagina su Vasco Rossi che circolano in rete, non corrette in quanto non presenti sul nostro sito. Da entrambe le parti c’è la volontà di garantire umorismo di qualità, pertanto non escludiamo la possibilità futura che un giorno su Noncicopledia tornerà ad esistere un articolo su Vasco Rossi che faccia ridere tutti quanti. Tania Sachs, la portavoce ufficiale del rocker, ha assicurato di poter ritirare la querela contro Noncicopledia”: