11.4 C
Napoli
martedì, Novembre 30, 2021

Processo Mills: Berlusconi prosciolto tira un sospiro di sollievo!

Le storie pi lette

La ‘lentitudine‘ della legge nostrana salva molte persone che hanno avuto ‘qualche‘ problemino con la giustizia. Il processo Mills è durato 5 anni e quindi i magistrati di Milano hanno emesso il loro verdetto: il cavaliere Silvio Berlusconi è stato prosciolto per prescrizione nel caso in cui era imputato per corruzione in atti giudiziari. Tuttavia l’ex Presidente del Consiglio non era presente in aula per ascoltare la lettura della sentenza.

La prescrizione è sempre un fallimento, sia per la magistratura che per l’imputato, che però in questo caso tira un sospiro di sollievo. Non esiste una conclusione concreta, si avverta la sensazione di un caso irrisolto per i tanti, troppi pezzi mancanti che non hanno dato la possibilità di emettere un verdetto appropriato alla causa.

Intanto il pubblico miniestero Fabio De Pasquale aveva chiesto per Berlusconi la condanna a 5 anni di reclusione. Gli avvocati difensori del cavaliere però (Nicoolò Ghedini e Piero Longo) avevano invocato l’assoluzione perché “Il fatto non sussiste“. Infatti L’ex premier ha poi manifestato il suo rammarico per non essere stato assolto, anziché prescritto e parla quindi di una ‘Mezza giustizia fatta‘!

Berlusconi memory – Nella sua memoria difensiva scrive: “L’attuale capo di imputazione costituisce un radicale e profondo rimaneggiamento costruito ad arte dal pubblico ministero“. Sottolinea l’impossibilità di approdare a una sentenza giusta “se un tribunale non vuole ascoltare i testimoni della difesa e ammette solo quelli dell’accusa“. Ma ecco la ciliegina sulla torta, l’ex premier lamenta il fatto che i magistrati si siano concentrati troppo su di lui e parla di un accanimento giudiziario; almeno è quello che si evince da una nota di ieri diffusa in prima persone parlando di “record universale di procedimenti e udienze. In totale più di cento procedimenti, più di novecento magistrati che si sono occupati di me e del mio gruppo, 588 visite della polizia giudiziaria e della guardia di finanza, 2600 udienze in quattordici anni, più di 400 milioni di euro per le parcelle di avvocati e consulenti”.

Ovviamente la sentenza ha scatenato le più disparate polemiche:
Corriere della Sera – Luigi FerrarellaUn percorso a ostacoli già scritto. E’ un’illusione ottica che il tempo sia scaduto ieri: già dal 2005 il processo è uno zombie che cammina. Minato da tre leggi ad personam (di cui due incostituzionali), tre ricusazioni di giudici (l’ultima decisiva) e anche schizofrenici ritmi di tribunali: 8 udienze nell’ultimo mese, ma solo sei nei primi sei mesi del 2011“.
Repubblica , Massimo Giannini parla di ‘un lascia passare ad personam; l’ultima ferita allo Stato di diritto‘ e che tuttavia è una sentenza da rispettare.
Il Giornale e Libero condividono lo stesso titolo: “Berlusconi-Pm 25 a 0”
Vittorio Feltri per il quotidiano diretto da Alessandro Sallusti: “Tutto previsto. Tutto ridicolo. Dopo 2600 e passa udienze non sono ancora riusciti a condannare Silvio Berlusconi. Se lui non è un santo, e a questo punto neppure beato (con le rotture che gli hanno inflitto), i magistrati non sono dei fenomeni, altrimenti almeno una condannina, magari fasulla, sarebbero stati capaci di ammollargliela. Zero. Nemmeno una contravvenzione nonostante 25 processi“.
Per Libero, invece, si chiude un processo che “non avrebbe mai dovuto cominciare e nel corso del quale non è stata mai fornita alcuna prova. Se non quella dell’accanimento giudiziario contro il Cavaliere“.
E voi cosa ne pensate di questa decisione? Una non decisione? Una conseguenza o davvero il fatto non sussiste?

Altre storie

Potrebbe anche interessarti

Governo Draghi: ipotesi scioglimento Forza Nuova

Governo Draghi: ipotesi scioglimento Forza Nuova

0
Si fa avanti una nuova ipotesi sul tavolo di governo. I disordini di sabato scorso che si sono verificati a seguito della manifestazione no...
Torino, tremenda esplosione: crolla una palazzina

Torino, tremenda esplosione: crolla una palazzina

0
Nella periferia Torino, in strada Bramafame, un'esplosione ha tirato giù una palazzina di due piano. Lo scoppio registrato alle 9.00 circa di questa mattina,...

Ultimi articoli