10.3 C
Napoli
domenica, Novembre 28, 2021

Alessandro Baricco il nuovo libro ‘Tre volte all’alba’

Le storie pi lette

Mr Gwyn di Alessandro Barrico è uscito solamente quattro mesi fa, ed ecco che ci stupisce con un nuovo romanzo legato, in un certo modo, al precedente e si intitola: ‘Tre volte all’alba’.

Non è un sequel vero e proprio, quindi può essere letto anche da chi non ha gustato il precedente. Tuttavia sono storie parallele con riferimenti comuni.Tre storie. Tre incontri. Tre episodi in cui scivolano personaggi che si incrociano, per sfasature temporali, in età diverse, sullo sfondo della hall di un hotel. L’albeggiare che annuncia, per tre volte, l’insistenza di un sentimento.

LA TRAMA – “Nell’ultimo romanzo che ho scritto, Mr Gwyn, si accenna, a un certo punto, a un piccolo libro scritto da un angloindiano, Akash Narayan, e intitolato Tre volte all’alba. Si tratta naturalmente di un libro immaginario, ma nelle immaginarie vicende là raccontate esso riveste un ruolo tutt’altro che secondario.
Il fatto è che mentre scrivevo quelle pagine mi è venuta voglia di scrivere anche quel piccolo libro, un po’ per dare un lieve e lontano sequel a Mr Gwyn e un po’ per il piacere puro di inseguire una certa idea che avevo in testa. Così, finito Mr Gwyn, mi son messo a scrivere Tre volte all’alba, cosa che ho fatto con grande diletto.
Adesso Tre volte all’alba è scritto e forse non è inutile chiarire che può essere letto da chiunque, anche da coloro che non hanno mai preso in mano Mr Gwyn, perché si tratta di una storia autonoma e compiuta. Ciò non toglie tuttavia che, nella sua prima parte, mantenga ciò che Mr Gwyn prometteva, cioè uno sguardo in più sulla curiosa vicenda di Jasper Gwyn e del suo singolare talento.”

Alessandro Baricco

 

Editore: Feltrinelli

Collana: I narratori

Data uscita: 21/03/2012

Alessandro Baricco nasce a Torino nel 1958. E’ autore di romanzi, opere teatrali e saggi tradotti in tutto il mondo.
Esordisce come saggista con Il genio in fuga. Due saggi sul teatro musicale di Gioacchino Rossini (1988), cui sono seguiti L’anima di Hegel e le mucche del Wisconsin (1993), Barnum. Cronache del Grande Show (1995), Next. Piccolo libro sulla globalizzazione e sul mondo che verrà (2002) e I Barbari. Saggio sulla mutazione (2006).
Il suo primo romanzo Castelli di rabbia (1991) vince il Prix Médicis Etranger. Poi scrive Oceano Mare (1993, Premio Viareggio); il monologo teatrale Novecento (1994) da cui Giuseppe Tornatore trae il film “La Leggenda del pianista sull’oceano”; Seta (1996); City (1999); Senza sangue (2002); Questa storia (2005); Emmaus (2009), e un libro per bambini in cui racconta la Storia di Don Giovanni (2010)

Altre storie

Potrebbe anche interessarti

“Elogio alla dolcezza”: è la vera forza che ci salverà dall’egoismo...

0
Lontano da facili lirismi, il saggio di Beatrice Balsamo è un inno alla dolcezza. Una virtù ormai rara ma che va preservata perché capace...

Torino: Il ruolo della donna al tempo degli antichi egizi

0
Il museo egizio di Torino continua ad attirare sempre più turisti non solo dall'estero ma anche da tutta Italia, soprattutto grazie all'applicazione di eventi...

Ultimi articoli