L’operazione BTp Italia sta andando a gonfie vele

Il nuovo bond governativo, BTp Italia, collocato il 19 marzo dal Tesoro sta avendo un enorme successo.
Dopo aver ottenuto ieri 1,57 miliardi di ordini, i BTp Italia hanno chiuso con successo la seconda giornata di emissione ricevndo una domanda di 2,14o mld, per un totale di 35. 906 contratti.

I BTp Italia hanno una durata di 4 anni, sono indicizzati all’inflazione italiana e non europea come per i precedenti  BTpi, con un tasso minimo garantito del 2,25%, proteggendo così l’investimento in caso di deflazione, un premio fedeltà dello 0,4% per chi lo compra all’asta e lo tiene fino a scadenza.
Tra le altre novità, l’asta dura quattro giorni e non più mezz’ora, quattro giorni in cui gli investitori privati (il lotto minimo di investimento è 1.000 euro) possono sottoscrivere il titolo anche da casa, collegati dal proprio pc alla piattaforma home banking, senza passare per lo sportello bancario che comunque resta un canale aperto anche per sottoscrivere i BTp Italia.
Altro elemento: non sono previste commissione per la clientela privata, come in occasione dei recenti BoT-day e BTp day, di novembre e dicembre 2011.