Maltempo Sicilia: venti forti e nubifragi. Catania nell’occhio del ciclone

Emergenza maltempo – Il maltempo in Sicilia sta già provocando seri danni: a causa del forte vento e del mare agitato una nave cisterna si è incagliata sugli scogli a Santa Panagia, una contrada periferica situata a nord ovest di Siracusa. La nave “Gelso M” era diretta ad Augusta e sono intervenuti in soccorso motovedette della guardia costiera e due elicotteri.

A Siracusa si sono verificati allagamenti lungo la zona balneare e nel quartiere della borgata, dove i sindaci hanno disposto la chiusura delle scuole (come è avvenuto anche a Messina e Catania) e sul resto della provincia sono numerosi gli alberi abbattuti dal vento. I venti molto forti che in queste ore stanno soffiando al Sud hanno superato i 100km/h tra Sicilia e Calabria. Punte oltre i 120km/h a Bonifati (CS), fino a113km/h a Gela (CL) e 107km/h ad Enna e raffiche prossime ai 100km/h a Catania.

Proprio a Catania a tratti manca anche la corrente elettrica dove son caduti finora tra 60 ed 80mm dalla mezzanotte. Il vento sferza Catania e le province orientali con picchi che raggiungono i 90 chilometri orari. Il vento ha abbattuto alberi, grossi rami e cartelloni pubblicitari in diversi punti della città.

Non si registrano particolari ritardi al momento all’aeroporto Fontanarossa, ma la situazione è in evoluzione. Mentre la circolazione ferroviaria è stata sospesa dalle 10.30 sulla linea Siracusa-Catania. Lo stop è avvenuto a causa delle avverse condizioni meteo, mareggiate e forte vento che stanno interessando, in particolare, la zona ionica della Sicilia. Circolazione rallentata anche sulla Catania-Messina sempre per condizioni meteo avverse.

La situazione peggiorerà nelle prossime ore; si attendono, infatti, temporali molto forti e piogge abbondanti tra le province di Siracusa, Ragusa e Catania, con un ulteriore peggioramento dello stato del mare. Attese infatti onde alte con punte superiori anche ai 7 metri!