11.4 C
Napoli
martedì, Novembre 30, 2021

Io amo la ZTL !

Le storie pi lette

Tra gli scopi di una ZTL si annoverano il mantenimento in sicurezza del centro storico durante gli orari di affluenza di un gran numero di pedoni o di maggiore traffico.
In Italia esistono ben 12 ZTL, ma quella di Napoli (la più grande d’Europa visto che la città possiede il centro storico più  esteso del continente), come tutto ciò che accade in questa incantevole cartolina, sta suscitando molto clamore, spaccando in due l’opinione pubblica: da un lato troviamo i partenopei favorevoli a questo nuovo provvedimento, dall’altro quelli contro la zona a traffico limitato.
Entrambe le parti elencano le conseguenze positive o negative che questa ha o avrà, se dovesse perdurare, sulla vita dei cittadini.
I più infuriati sembrano essere proprio i commercianti che dicono di aver subito un calo del 90% degli introiti e nei giorni scorsi hanno protestato abbassando le saracinesche dei propri esercizi, consegnando simbolicamente le chiavi delle proprie attività commerciali al sindaco Luigi De Magistris.
Al secondo posto, sul podio degli oppositori, troviamo gli automobilisti che regolarmente si spostano in città con l’auto e che adesso si trovano in più punti la strada sbarrata dalle transenne della polizia municipale.
La medaglia di bronzo invece va a tutti coloro che per abitudine sono portati a lamentarsi su qualsiasi iniziativa viene presa dalle istituzioni, perchè è opinione comune che qualsiasidecisone venga dall’alto è sbagliata. In linea di massima in Italia è così, ma non sempre, ma questo non mi sembra il caso.
Quelli che invece sono favorevoli si limitano a dire che così Napoli ora sembra un luogo molto più vivibile di prima.

Io ho 27 anni e vivo la città quotidianamente per ragioni di studio e di lavoro, ragioni che mi portano a spostarmi tra Ponticelli e Fuorigrotta, Scampia e il Vomero, tra Posillipo e la Sanità, assaggiando con tutti i sensi gli eterogenei ritmi di vita della nostra città, sia in auto che con la ‘piedicolare’ o i mezzi pubblici.
Anche prima che fosse attivata la ZTL, ricordo bene che avventurarsi tra le nostre strade urbane era un inferno fatto di traffico perennemento bloccato, auto in sosta vietata in equilibrio sui marciapiedi, parcheggi inesistenti e parcheggiatori abusi insistenti. Quindi cosa è cambiato? La situazione è rimasta immutata, con la differenza che ora ci sono delle oasi felici in cui poter passeggiare senza il pericolo di essere investiti dai motorini anche mentre si guardano le vetrine dei negozi.
Che hanno da lamentarsi allora gli automobilisti e i commercianti, forse sono solo alla ricerca di un capro espiatorio per la propria inciviltà fatta di occupazione indebita di suolo pubblico ?
I commercianti però non si sono lamentati quando fiumi di spettatori affollavano via Caracciolo per le regate dell’America’s Cup, e le persone affollavano proprio i loro ristoranti e bar.
Automobilisti dalla memoria corta e dalle gambe pesanti, vi vorrei ricordare che anche senza ZTL, il miglior modo per spostarsi in un qualsiasi centro urbano, non è l’auto, ma sono le gambe e i mezzi pubblici!
Certo, non è tutto oro quello che luccica, perchè però bisogna sottolineare che metro, treni e autobus non funzionano ancora alla perfezione, e su questo vi do ragione, ma pazentiamo ancora un po’, assimiliamo le lezioni di civiltà e se la rete dei mezzi pubblici non sarà migliorata, anch’io marcerò a vostro fianco per protestare !

In conclusione mi sorge un quesito:«Non è che dietro a queste proteste e critiche ci sia lo zampino della criminalità organizzata i cui spostamenti ora sembrano più difficoltosi, o di politici scontenti della troppa popolarità acquisita dal primo cittadino?»

Altre storie

Potrebbe anche interessarti

Vecchioni & co: 5 vip che hanno insultato il Sud

0
Vecchioni & co: 5 vip che hanno insultato il Sud. Oggi si è parlato molto delle parole di Roberto Vecchioni, che all'Università di Palermo ha criticato...

Mamma li Turchi!

0
La tensione tra Turchia e Russia, dopo l'abbattimento di un caccia russo ai confini con la Siria, resta alta. I due paesi nei giorni scorsi,...

Ultimi articoli