Mancini scarica Balotelli

Balotelli deve cambiare o tra 3 anni è un giocatore finito. Lo cediamo? Forse”. Roberto Mancini, manager del Manchester City, sembra non poterne più. SuperMario si è reso protagonisto di un ennesimo gesto assurdo, nel match tra l’Arsenal e il Manchester, che il City ha perso 1-0 all’Emirates Stadium. L’attaccante italiano si è fatto espellere per un terribile fallaccio: piede a martello sul ginocchio di Alexander Song, nei minuti finali di un match, che ha visto precipitare i citizens a -8 dai “cugini” del Manchester United. La Premier League si allontana sempre più per la formazione allenata da Mancini, distaccata di 8 lunghezze, a sei giornate dalla conclusione’.

Ma a tenere banco sono le parole che l’ex attaccante di Sampdoria e Lazio rivolge al figliol prodigo: “E’ un bravo ragazzo, gli voglio bene. Ma sono deluso per il suo comportamento. Deve cambiare o rischia di sprecare tutto il suo talento”. E ancora il tecnico jesino ha aggiunto: “’Non ho parole. Probabilmente non giocherà nelle ultime 6 giornate: io devo poter contare su 11 giocatori, con Mario corro grossi rischi. Ha commesso un grave errore, spero che se ne renda conto. Giocatori con il suo talento sono finiti in 2 o 3 anni, deve cambiare”. A superMario non resta che ascoltare le parole di chi in campo ha dato spettacolo, non sprecando quel talento, che possiede anche il ragazzo di colore, nato a Palermo, e vissuto a Brescia.