Donna Summer: icona della disco music perde la sua battaglia contro il cancro

Donna Summer, una perla rara della disco music anni settanta, è morta oggi in Florida, all’età di 63 anni dopo un’estenuante battaglia contro il cancro.

Alcune fonti vicine alla cantante non credevano stesse così male, anzi… l’artista contava di finire l’album sul quale aveva iniziato a lavorare, almeno quanto riportato dal sito di gossip TMZ.

Premiata ben cinque volte ai Grammy Awords, ricordiamo alcuni dei sui successi indimenticabili come ‘I Fell Love‘, ‘Bad Girl‘, e ‘Hot Stuff‘ famosissima per la colonna sonora di un film al quale dà il titolo.

Settima figlia di una famiglia numerosa a soli 20 anni lascia casa per trasferirsi in Germania, dove verrà scritturata per il famosissimo musicalHair‘.

La sua carriera conosce solo un momento di stallo parallelo alla nascita delle sue due figlie avute da Bruce Sudano, cantante di Brooklyn Dreams, insieme alla controversia che la vide coinvolta in uno scandalo giornalistico: alcune testate le attribuirono dichiarazioni infamanti in cui la cantante stessa avrebbe disprezzato la comunità gay. Ma la donna negò con tutte le sue forze tanto da appoggiare negli anni futuri la Gay Men’s Health Crisis di Carnegie.

Tuttavia la ricordiamo come l’icona della disco music che ha influenzato, insieme al suo produttore Giorgio Moroder, artisti del calibro dei Duran Duran e di David Bowie.

Vi lasciamo con una delle sue interpretazioni più belle: ‘I fell love