L’Atleta di Fano di Lisippo deve far ritorno in Italia

Culturaarte newsL'Atleta di Fano di Lisippo deve far ritorno in Italia

Data:

Dal  punto di vista giudiziario si è chiusa la vicenda riguardante il possesso della statua greca attribuita al grande scultore Lisippo, nota con il nome di «Atleta di Fano», custodita al Getty Museum di Malibù in California.
Infatti il giudice Maurizio Di Palma del tribunale di Pesaro ha rigettato il ricorso del museo statunitense e la statua deve essere confiscata e tornare in Italia.

La statua venne ritrovata in mare il 14 agosto del 1964 dal peschereccio “Ferruccio Ferri” al largo di Fano per essere poi ceduta per tre milioni di vecchie lire alla famiglia delle cementerie Barbetti di Gubbio. La statua nel frattempo era già stata venduta dai Barbetti ad un antiquario milanese, mentre secondo altre ipotesi da confermare, la statua fu invece esportata in una cassa di medicinali verso una missione religiosa in Brasile in cui operava un conoscente dei Barbetti.

La statua nel 1971 viene acquisita da Heinz Herzer, un commerciante di Monaco di Baviera  e viene sottoposta alle prime analisi e restauri. Nel 1974 l’esame del radiocarbonio data la statua approssimativamente al IV secolo a.C. e viene attribuita per la prima volta a Lisippo.

Dopo alcune trattative e tentativi di offerta al mercato nero e una forte competizione contro il Metropolitan Museum of Art, fu acquistata nel 1977 dal Getty Museum a Los Angeles, per 3,98 milioni di dollari.

La statua deve ritornare in Italia perchè l’esportazione è stata illegale secondo le leggi dell’epoca, in particolare la legge 1089/39, che stabilisce che i beni archeologici ritrovati sono di proprietà dello Stato italiano.
Infatti il reperto apparterrebbe all’Italia visto che l’Atleta è stato issato su un’ imbarcazione battente bandiera italiana e successivamente fu sbarcato a Fano nelle Marche, quindi il suo possesso all’epoca doveva ricadere sotto la legislazione italiana che impedisce l’esportazione di opere archeologichee avrebbe dovuto essere soggetto all’obbligo di notifica al ministero competente.

Nella stessa situazione dalla statua di Lisippo si trovano anche alri oggetti archeologici finiti negli Stati Uniti e ora dovrebbero ritornare al luogo di partenza.
Gli Stati Uniti accetteranno senza opporre resistenza?

Share post:

Altre storie

Seguici su

50,320FansLike
527FollowersFollow
7,000SubscribersSubscribe

Leggi anche
Altre storie

Il mondo Perugina sorprende ancora con il Bacio Gold al caramello

Lasciamoci coccolare da un pensiero dolce. Settembre è ormai...

“Elogio alla dolcezza”: è la vera forza che ci salverà dall’egoismo della nostra società

Lontano da facili lirismi, il saggio di Beatrice Balsamo...

Torino: Il ruolo della donna al tempo degli antichi egizi

Il museo egizio di Torino continua ad attirare sempre...

Fuga dal Belpaese: il 20% degli italiani vorrebbe trasferirsi all’estero

Chi per studio, chi per lavoro e chi per...