Chris Cornell, confermate le date del 28 e 29 giugno in Italia

Chris Cornell,  frontman della band grunge dei Soundgarden, dopo il suo concerto tenutosi lunedì 25 giugno a Udine, era stato ricoverato in ospedale alle 3 di notte per un malore e per questo è stato costretto ad annullare la sua esibizione sul palco di Colonia Sonora, nel Parco della Certosa Reale di Collegno che si sarebbe dovuta svolgere ieri 26 giugno.

Lo stesso Cornell, rientrata l’emergenza sulle sue condizioni di salute ha voluto tranquillizzare i fan e scusarsi usando il proprio account di Twitter per spiegare che il ricovero è stato causato da una forma improvvisa e violenta di influenza intestinale.

Le altre date italiane del tour solista di Cornell, quella di domani 28 giugno al Teatro Romano di Verona e quella di venerdì 29 alla Cavea del Teatro Nuovo di Firenze, rimangono comunque invariate e hanno registato il sold out.

Non vedo l’ora di tornare“, ha aggiunto il cantante, lasciando dunque la porta decisamente aperta a un’ipotesi di semplice slittamento in avanti della data rimasta in sospeso per il Piemonte, per i dettagli della quale si attendono comunicazioni ufficiali dal promoter.

Chris Cornell al secolo Christopher John Boyle, insieme a Kurt Cobain dei Nirvana e ad Eddie Vedder dei Pearl Jam è la figura più rappresentativa del fenomeno grunge che conquistò le classifiche di tutto il mondo nei primi anni novanta.
Fondatore e cantante dei Soundgarden, di cui da poco c’è stata la reunion, frontman degli Audioslave (ban formata con alcuni membri dei Rage Against The Machine) e dei Temple Of The Dog, Cornell, dotato di una voce fuori dal comune, da tempo si sta dedicando alla carriera solista, per la quale ha scelto la formula della voce accompagnata da chitarra acustica per le sue canzoni.