Tragedia in Toscana: muore bambino di 11 anni durante un’escursione

TRAGEDIA IN TOSCANA: Un gruppo parrocchiale si accingeva ad una escursione sul monte sopra Prato, un promontorio di 800 metri. In base ai primi rumors, si dice che poco prima di raggiungere la vetta i bambini fossero tutti disidratati e stremati. La Diocesi di Prato però spiega: “A noi hanno detto che i piccoli stavano bene e che uno solo ha avuto il malore“. Ma il malore purtroppo si è tramutato in tragedia, un bambino di 11 hanno è morto. Si è accasciato a terra e poi è svenuto, è  intervenuto così l’elisoccorso dei vigili del fuoco, ma è stato tutto inutile visto che subito hanno rilevato l’arresto cardiaco. E’ stato portato a Careggi, ma per il piccolo Franco Lori, non c’è stato nulla da fare e attualmente la Procura di Prato sta vagliando le cause del decesso.

FOTO

All’escursione era presente anche il prete, don Carlo Gesti, che al momento è sotto choc. Intanto i genitori del gruppo parlano di lui come una persona coscienziosa e che questa gita, in realtà, si tiene ogni anni. Il parroco quindi non ha colpe. Per domani è stata predisposta l’autopsia che rivelerà le cause del decesso. E tra le tante cause, le indagini, accennano ad un problema congenito.
La prima a giungere in ospedale è stata la madre, in lacrime ovviamente, e accompagnata da parenti. Il padre, autotrasportatore, si trovava sulla costa toscana ed è giunto anche lui quanto prima: “Non mi interessa parlare con i medici. Ormai non possono guarirlo. Lo abbiamo mandato sperando che si facesse nuovi amici, anche se lui preferiva stare in casa a giocare con il computer – ha raccontato – Ora gli amici se li è fatti in Paradiso“. E infine conclude che il figlio, in realtà, non aveva mai avuto particolari malattie.

Gli altri bambini hanno subito comunque uno shock nel vedere il loro amichetto sdraiato a terra, così l’elicottero dei vigili del fuoco, in gruppi di sette, li hanno riaccompagnai a Prato. Tuttavia anche il vescovo di Prato, monsignor Gastone Simoni, si è messo in contatto sia con il parroco, don Carlo Gestri, sia con la famiglia del bambino incontrando i genitori di Franco all’ospedale di Careggi. “Sono affranto dal dolore. Prego il Signore per il bimbo e per la sua famiglia, che ho nel cuore. Questa morte è un fulmine funesto in una realtà bellissima come quella degli oratori estivi parrocchiali che da anni compiono un servizio prezioso ai ragazzi, alle famiglie e alle parrocchie e quindi a tutta la società pratese“.