Kaka-Milan si può fare

La storia tra Kaka e il Milan sembra avviarsi verso un nuovo capitolo. Le porte di Milanello sono sempre rimaste aperte per il brasiliano da quando venne ceduto, per 67 milioni di euro, al Real Madrid nel 2009 come conferma anche Adriano Galliani: “Certi amori non finiscono mai”. Adesso la strada per arrivare a Kaka sembra essere in discesa, vista la rottura recente con l’allenatore merengues Josè Mourinho chiarissimo nei suoi confronti, “Cercati una squadra, sei solo una riserva”, prima dell’amichevole contro l’Oviedo (vinta dal Real Madrid per 5-1) dove Kaka è stato prima convocato e poi cancellato dalla lista dei convocati. Probabilmente il brasiliano verrà anche estromesso dalla tournèe negli Stati Uniti.

A dare sostanza a queste indiscrezioni è la presenza a Milano dell’agente Fifa Gaetano Paolillo, vicino all’entourage di Kaka. Le opzioni in Brasile non convincono pienamente il calciatore, ha voglia di riscattarsi in vista dei Mondiali del 2014 che si giocano in casa sua, e l’amore per il Milan non è mai sfumato. Certo che il club rossonero per riprendersi Kaka deve torvarsi di fronte a situazioni favorevoli. Intanto il passaggio al Milan dovrebbe avvenire in prestito con riscatto nel 2013, mentre da parte sua il giocatore dovrebbe ridursi l’ingaggio (guadagna 9 milioni all’anno fino al 2014) a 5-5,5 milioni di euro a stagione.