Attentato Afghanistan: razzo su base italiana, 3 militari feriti

Tre militari del contingente italiano in Afghanistan sono rimasti lievemente feriti in un attacco alla base di Bala Baluk. Alle 10 ora locale, 7,30 in Italia, un razzo da 107 millimetri è stato lanciato all’interno della base italiana posta presso Farah. Fortunatamente il razzo non è esploso, ma l’impatto dell’ordigno ha provocato la proiezione di terriccio e pietre, che ha colpito i tre militari.

I tre militari non hanno perso coscienza, e hanno potuto loro stesso avvertire i familiari. A fornire la notizia è il tenente colonello Tirino, portavoce del nostro contingente nel paese asiatico. Paese asiatico dove ieri si è registata una orribile strage firmata dai talebani. Diciasette civili sono stati uccisi e decapitati a Roshanabad, villaggio situato nella provincia meridionale di Helmond. Tra le vittime due donne, probabilmente due ballerine, uccise dagli “studenti di Dio” contrari a feste con musica e danza.

A render nota la notizia Daoud Ahmadi, portavoce del governo provinciale, che ha inoltre riferito di altri due fatti di sangue succeduti nel paese: nel distretto di Washir 10 soldati sono stati uccisi in un attacco ad un posto di controllo, portato avanti da un gruppo di insorti; nell’est del paese, invece, un soldato afghano ha ucciso due soldati americani dopo aver aperto il fuoco contro le forze della Nato.