Anna Maria Tarantola: ‘La Rai necessita di più cultura e donne normali’

Anna Maria Tarantola, Presidente della Rai, in un’intervista rilasciata al ‘Secolo XIX’ esprime la sua opinione sul ruolo della donna all’interno del sistema televisivo, dichiarando di voler ‘vedere donne normali che abbiano capacità, competenze e professionalità‘. Quindi bisogna dare alle donne lo spazio che si meritano dato che ‘possono e devono emergere, purché si tratti di donne vere‘. Non bisogna puntare solo sull’aspetto esteriore, ma se sono di bella presenza? ‘Meglio. Ma non si deve puntare esclusivamente sulla bellezza per emergere. Pur non sottovalutando l’importanza dell’aspetto estetico‘.

Parlando della chirurgia plastica, Tarantola spiega che ‘Rispetto chi la sceglie, per carità. Ma in tivù si può parlare anche d’altro. Anche perché un altro dev’essere il messaggio. Le donne sono belle come sono. Specie se giovani. Già quella è una bellezza. Ripeto: senza demonizzare scelte personali e la libertà di poter scegliere è importante. Ma la tivù è anche altro‘. Quando le viene chiesto cosa vorrebbe vedere in tv, Anna Maria Tarantola ritiene che sia opportuno trasmettere ‘Molte più cose per i giovani. Cose interessanti e divertenti. Ma con dei valori. Proprio perché la tivù è un mezzo forte, che arriva a tutti‘.

In merito alla Rai, il Presidente dichiara: ‘La Rai è meglio di come la descrivono. E ha programmi bellissimi. Alcuni su reti specializzate: Rai4, Rai5, Rai Educational, sono molto interessanti. Viene trasmessa anche l’Opera. Il palinsesto fino a dicembre 2012 è già stato fatto. Per il 2013, si farà. Ascoltando le proposte del direttore generale e dei consiglieri‘.