E’ morto Neil Armstrong, la prima impronta umana sulla luna

E’ morto all’età di 82 anni Neil Armstrong, il primo uomo a posare piede sulla luna. L’evento, che rimarrà per sempre nella storia, avvenne il 20 luglio del 1969 e il comandante della missione Apollo 11 descrisse così il suo primo passo sulla luna: ‘un piccolo passo per un uomo, un grande balzo per l’umanità’. Secondo quanto riferito dalla famiglia, Neil Armstrong è morto per complicazioni post operatorie dopo aver affrontato a inizio mese un intervento di by-pass coronarico.

Armstrong, comandò nel luglio del 1969 la missione di allunaggio Apollo 11 e nella fase di avvicinamento, quando prese i controlli del modulo lunale Eagle pilotandolo fuori da una zona rocciosa, disse: ‘Houston, qui Base della Tranquillità. L’Aquila è atterrata’. Dopo sette ore, Armstrong si trovava sull’ultimo scalino dell’Eagle e con una leggera esitazione, poggiò il piede sinistro sulla luna. L’impresa, in tutto il mondo, venne seguita con il fiato sospeso da ben 500.000.000 spettatori.

La diretta, in Italia, venne commentata da Tito Stagno, che di fronte la notizia della morte di Armstrong si è detto ‘molto addolorato, perché è una parte della mia vita che se ne va. La notizia mi ha davvero sconvolto‘. Il Presidente americato Barack Obama, invece, ha dichiarato che Neil Armstrong è uno ‘tra i più grandi eroi americani, non solo del suo tempo, ma di tutti i tempi. Michelle e io siamo profondamente colpiti dalla morte di Armstrong. Quando lui e il suo equipaggio atterrarono sulla luna si realizzarono le aspirazioni di un’intera nazione. Dimostrarono come lo spirito americano può andare oltre l’inimmaginabile. Ci ha insegnato l’enorme potere di un piccolo passo‘.