Calcio: Italia Malta 2-0, a segno Destro e Peluso, bene Insigne

CalcioCalcio: Italia Malta 2-0, a segno Destro e Peluso, bene Insigne

Data:

ITALIA MALTA – L’Italia batte Malta nella seconda partita valida per le qualificazioni a Brasile 2014. Vince ma non convince la nazionale di Prandelli, che dopo il brutto pari in Bulgaria, non va oltre un deludente 2-0 contro la “cenerentola” Malta.

Sarà pur vero che Malta con l’italiano Ghedin in panchina ha fatto qualche passetto avanti, ma resta una delle nazionali più abbordabili dello scenario europeo. Alcuni numeri possono suffragare quanto detto: per Malta è l’undicesima partecipazione alle qualificazioni Mondiali, in 11 casi Malta si è classificata ultima nel girone. Negli 83 incontri disputati ha raccolto soltanto 1 vittoria, 9 pareggi e 73 sconfitte, segnando 25 reti e subendone 248. L’unico successo è arrivato il 12 maggio 1993 in Estonia per 0-1. Da quella storica vittoria il bilancio maltese nelle qualificazioni mondiali è stato di 5 pareggi e 38 sconfitte. Malta non segna nelle gare valide per la qualificazione al Mondiale da ben 1003 minuti. I precedenti sono ovviamente tutti ad appannaggio della nostra nazionale: 5-0 e 6-1 in casa, 1-2 e 0-2 sull’isola.

A Modena Prandelli cambia modulo, riproponendo la difesa a 4 con da destra a sinistra, Cassani, Barzagli, Bonucci e Peluso davanti a Buffon. Centrocampo con Nocerino, Marchisio e Pirlo, in avanti Destro e Osvaldo supportati da Diamanti. Malta tra le sue fila presenta un giocatore che milita in Italia, in lega Pro nel Latina, è il difensore Andrei Agius. 

La squadra di Prandelli parte subito bene e dopo 5 minuti Destro imbeccato da Marchisio fa 1-0. Sembra l’inizio di una goleada, ma non lo è. L’Italia con un Pirlo marcato a uomo, fa poco gioco, mantiene una sterile supremazia, non riuscendo ad alzare il ritmo della partita.

Nella ripresa esce Diamanti ed entra Insigne, al suo esordio con la nazionale maggiore. L’attaccante del Napoli si piazza largo a sinistra, andando a formare un tridente “moderno” con Destro largo a destra e Osvaldo centrale. La velocità del folletto napoletano regala qualche emozione, dando un pizzico di brio alla squadra. I tiri in porta continuano a latitare, e pur non rischiando nulla, non si riesce a chiudere la partita. Entrano anche Pazzini e Giovinco per i due centravanti della Roma, ma è l’esterno atalantino Peluso a raddoppiare con un colpo di testa su un corner nei minuti di recupero.

Nel finale Prandelli si dice non soddisfatto della prestazione: “nel secondo tempo è andato un pò meglio, abbiamo giocato con più ordine e continuità. La squadra non è brillantissima, sappiamo che settembre è un mese particolare. Bisogna ritrovare subito le nostre migliori caratteristiche”. Il Ct elogia poi Insigne: “ha dato la scossa perché si è messo largo e ci ha fornito ampiezza”, e riferendosi a Diamanti: “il trequartista? Soffre se non ci sono spazi”. 

Contava vincere, non si poteva non farlo, ma resta una prestazione insufficiente. Come “alibi”, la prestazione coriacea e ordinata della nazionale allenata dall’ex campione d’Italia con la Lazio di Maestrelli, Pietro Ghedin.

La situazione nel gruppo B dopo due giornate vede Italia e Bulgaria (vittoriosa sull’Armenia per 1-0) con 4 punti, Armenia 3 e Malta ferma con 0 punti; Danimarca e Rep. Ceca oggi ferme hanno un punto a testa, frutto del pari al loro esordio.

Nel martedì internazionale la Spagna vince di misura in Georgia, la Russia di Capello vola a 6 punti, rifilando 4 reti in trasferta ad Israele. La Svizzera batte l’Albania 2-0 e vola a 6 punti, la Germania vince in Austria 2-1, l’Olanda travolge 4-1 l’Ungheria in terra magiara. Pari 1-1 tra Belgio e Croazia, e tra Inghilterra e Ucraina, mentre la Francia conquista il secondo successo consecutivo battendo 3-1 la Bielorussia.

 

Share post:

Altre storie

Seguici su

50,320FansLike
527FollowersFollow
7,000SubscribersSubscribe

Leggi anche
Altre storie

Governo Draghi: ipotesi scioglimento Forza Nuova

Si fa avanti una nuova ipotesi sul tavolo di...

Green Pass obbligatorio? Come e dove

In queste ore il governo sta varando regole per...

Papa Francesco: “Il chiacchiericcio è una peste peggio del Covid”

Non è la prima volta che Papa Francesco torna...

Donald Trump: ok alla trivellazione del Rifugio Artico protetto da 60 anni

Un'area tutelata in maniera rigida da 60 anni, che...