Emilio Fede: ’20mila euro al mese sono niente per quello che ho fatto’

Emilio Fede, durante un’intervista rilasciata al noto programma ‘La Zanzara‘ di Radio24 si è lamentato del nuovo contratto che lo lega a Mediaset, dichiarando: ‘Nel contratto con Mediaset iniziato il primo giugno c’è autista, casa, ufficio e ventimila euro netti al mese, ma neppure un euro di buonuscita dopo 24 anni. Ventimila euro al mese sono niente per quello che ho fatto, mica sono stato lì a rubare. Non è che navigo nell’oro, non ho un appartamento di lusso. Non trasformiamo ventimila euro in un fondo ricchezza. Non significa essere ricchi e poi un pò di soldi li passo a mia figlia e mia moglie. Non è un contratto sontuoso. Non ditemi che sono la ricchezza, io ho lavorato per sessant’anni fino a 81 anni, e nell’ultimo periodo senza prendere un giorno di ferie‘.

Emilio Fede, inoltre, parla dei suoi progetti futuri: ‘Voglio fare un movimento, non un partito. E quando vedo che tutti fanno le liste e i politici si ripresentano senza aver risolto le cose allora ho pensato: adesso faccio qualcosa anch’io. E mi piacerebbe avere in lista Roberto Saviano, sì proprio lui. L’ho sempre criticato ma è uno che vale. Lo vorrei con me‘. Nel programma del suo movimento, includerebbe la legalizzazione della prostituzione: ‘Bisogna tornare alle case chiuse, per evitare lo squallore di quello che si vede in giro. Bisogna che le prostitute paghino le tasse, di sicuro guadagnano più di me‘.