Polverini riduce la Giunta e firma le dimissioni

La Presidente della regione Lazio, Renata Polverini, ha ridotto il numero degli assessori e poi ha firmato le lettera di dimissioni. Alcuni giorni fa la Polverini aveva annunciato la precisa volontà di dimettersi in seguito allo scandalo che l’ha coinvolta, dichiarando, durante una pubblica conferenza stampa, che il movente della sua decisione era legato a questioni interne al Pdl. Prima di giungere alla ritirata ufficiale però ha compiuto l’ultimo atto da presidente operando un cospicuo taglio della Giunta regionale. Con proprio decreto ha infatti, ridotto il numero degli assessori che prima erano 16 se si comprende la stessa Polverini, a 10 riservando alla Presidenza le autorità in materia di sanità che a lei competevano.

In effetti hanno perso il posto nella Giunta regionale cinque assessori: Stefano Zappalà, Turismo e Marketing made in Lazio; Marco Mattei, Ambiente e Sviluppo sostenibile; Gabriella Sentinelli, Istruzione e Politiche per i giovani; Angela Birindelli, Politiche agricole e  valorizzazione dei prodotti locali; Francesco Lollobrigida, Politiche mobilità e trasporto pubblico locale. Pertanto restano in giunta gli altri assessori con deleghe allargate.

La lettera di dimissioni firmata in seguito dalla Polverini è stata ora trasmessa al Presidente del Consiglio regionale, Mario Abbruzzese il quale dovrà poi decretare lo scioglimento del Consiglio regionale. L’iter da seguire per giungere al voto vero e proprio è piuttosto prolungato quindi nel frattempo non resta che aspettare per vedere finalmente concluso lo scandalo della regione Lazio.