Italia under 21: vittoria e qualificazione, Insigne show

L’Italia under 21 vola in Israele per la fase finale degli europei di categoria, in programma il prossimo giugno. Dopo la vittoria per 1-0 a Pescara, a Kalmar, in Svezia agli azzurrini di Mangia serviva non perdere.

In Svezia succede tutto o quasi, nella ripresa. Il primo tempo si chiude senza reti, con un’Italia attenta, che non commette errori, e da l’impressione di poter far male gli scandinavi quando vuole.

Nella ripresa l’Italia continua ad avere il pallino del gioco. La prestazione continua ad essere positiva, e finalmente arriva la rete del vantaggio. Minuto 68, Lorenzo Insigne, il funambolico talento del Napoli riceve il pallone, si gira, e con un destro a giro beffa l’estremo difensore gialloblu. Dopo tre minuti è il romanista Florenzi a trafiggere Johnsson. La strada sembra essere in discesa, ma gli svedesi non mollano e in 6 minuti acciuffano il pari con Ishak e Hiljemark. Affiora un pò di paura nei nostri azzurrini, un’eventuale terza rete svedese ci farebbe tremare, ma all’86° minuto è il genoano Immobile (autore della rete di Pescara) a chiudere match e discorso qualificazione.

Qualificazione strameritata, nei 180 minuti tra Pescara e Kalmar, la squadra di Mangia ha dimostrato una superiorità tecnico e tattica evidente. Le uniche due pecche nella industriale quantità di occasioni sprecate, e in quei 10 minuti dopo lo 0-2 di stasera. Si tratta di pecche assolutamente “giustificabili”, considerando l’età e l’esperienza dei ragazzi. Di certo il futuro del calcio italiano, considerando anche i diversi giovani convocati da Prandelli, per la nazionale maggiore, è meno buio, di quanto si potesse immaginare.

Oltre alla nostra nazionale vanno in Israele, per gli europei under 21 (5-18 giugno 2013), l’Olanda che supera la Slovacchia con un doppio 2-0. La Russia che pareggia con la Rep.Ceca 2-2, dopo la vittoria all’andata per 2-0. La Germania che dopo l’1-1 in casa, vince 3-1 in Svizzera. Qualificata anche l’Inghilterra, doppio 1-0 alla Serbia. Eliminata la Francia, i transalpini dopo la vittoria per 1-0, perdono in Norvegia 5-3. Da giocare Danimarca-Spagna, il risultato dell’andata, 5-0 per gli iberici, lascia però poche speranze ai danesi.

A proposito di danesi, ora tutti davanti alla tv a tifare per i “grandi”. L’Italia di Prandelli  tra meno di un’ora scenderà in campo a Milano, contro la Danimarca, per la quarta partita di qualificazione a Brasile 2014.