Niels Bohr, l’enfant prodige della fisica nel doodle di Google

Google e Niels Bohr – Un altro doodle di Google dedicato ad un personaggio appartenente al mondo della ‘Scienza‘. Stiamo parlando di Niels Bohr, celebrato da bigG visto che oggi cade l’anniversario della sua nascita; lo scienziato che applicò la scoperta dei quanti alla struttura atomica spalancando così nuove vie all’era della fisica.

Nasce a Copenaghen il 7 ottobre del 1885 e il suo nome completo è Niels Henrik David Bohr. E’ stato un matematico, filosofo della scienza, teorico della fisica e accademico danese. Si laureò all’Università di Copenaghen nel 1911. Si trasferì poi all’Università di Manchester, in Inghilterra, dove studiò con Ernest Rutherford e morì il 18 novembre del 1962.

Google con il suo logo-tipo disegna un nuovo scarabocchio, stavolta si tratta di una lavagna dove sopra vi è scritta l’intuizione più celebre di Niels Bohr, ovvero “l’atomo di Bohr“, con una concezione del tutto nuova circa il modello di atomo all’epoca accettato. Elettroni che orbitano intorno al nucleo, ovvero alla ‘o’ di google.

Bohr venne ribattezzato l’enfant prodige della fisica quantistica, ricevendo a soli 21 anni la medaglia d’oro dell’Accademia reale danese per un suo saggio di fisica, battendo persino il padre che l’anno della nascita di Niels aveva vinto una più modesta medaglia d’argento con un saggio di fisiologia: «Sono fatto d’argento, ma Niels è d’oro» quando Christian Bohr parlava di suo figlio.

Anche se inizialmente aveva dedicato il suo genio ai temi della fisica, dopo aver appreso il modello atomico di Rutherford iniziò a dedicarsi ad alcuni enigmi dell’atomo e attratto a tutti i suoi misteri si aggiudicò l’ambito Nobel per la fisica nel 1922 «per i suoi servizi nell’indagine sulla struttura degli atomi e della radiazione che emana da essi». Divenne poi professore all’Università di Copenaghen e direttore “dell’istituto recentemente costruito della fisica teorica“. L’istituto di Bohr fu il punto di riferimento per i fisici teorici negli anni venti e trenta.i teorici negli anni venti e trenta.