Qualificazioni mondiali 2014: l’Italia vince in Armenia

Soffre ma vince l’Italia in Armenia. A Jerevan contava vincere e portare a casa 3 punti fondamentali per il cammino che porta a Brasile 2014. Missione compiuta, non senza qualche difficoltà di troppo.

Parte bene la nazionale che Prandelli schiera con Maggio e Criscito esterni bassi, Barzagli e Bonucci davanti a Buffon. A centrocampo agiscono Marchisio, De Rossi, Montolivo e Pirlo, avanti Giovinco fa coppia con Osvaldo. Dopo 11 minuti Italia in vantaggio, rigore per un fallo di mano di un difensore armeno, trasformato da Pirlo. L’Armenia nonostante lo svantaggio prende coraggio e conquista metri, e al 27°minuto trova il pari con Mkhitaryan. L’azione nasce dopo uno scontro pericoloso tra la testa di Maggio e quella di un giocatore armeno, ma l’arbitro croato Strahonja non ferma il gioco.

Nella ripresa è la nazionale dell’ex Repubblica sovietica a partire forte, è Buffon a salvare la nostra nazionale in almeno un’occasione. Prandelli aveva visto bene, quando aveva espresso preoccupazione per la velocità degli avanti armeni. Dopo un’ora di gioco, il ct italiano sostituisce un evanescente Giovinco, per il giovane talento rossonero El Shaarawy. Dopo 4 minuti sulla fascia destra nasce la rete del vantaggio azzurro: Maggio tiene il pallone, lo scarica su Pirlo che di prima intenzione pennella un cross, su cui si fionda il romanista De Rossi che di testa fa il 2-1. L’Armenia continua a rendersi pericolosa, è Maggio a salvare l’ennesima sbavatura difensiva azzurra, ed è ancora dai piedi dell’esterno del Napoli che parte un’azione pericolosa, ma il tiro a colpo sicuro di El Sharaawy è salvato sulla linea. La rete della sicurezza è solo rinviata: punizione dalla trequarti, sul pallone De Rossi, colpo morbido per la testa dell’amico di squadra Osvaldo, che chiude il match.

Prestazione da rivedere, ma in un girone che si annuncia particolarmente combattuto e difficile era necessario vincere, al di la della prova, che comunque non è del tutto negativa.

Nel girone B lItalia guida la classifica con 7 punti, pari in Bulgaria, e vittorie con Malta e Armenia, 7 reti all’attivo e 3 al passivo. La Rep. Ceca che ha battuto Malta 3-1 segue con 4 punti in due partite. Mentre scriviamo è in corso Bulgaria-Danimarca, con il primo tempo chiuso sul punteggio di 1-1. I bulgari dopo due partite hanno 4 punti, i danesi un punto in una partita. L’Armenia resta ferma a 3 punti in 3 partite, mentre Malta resta ferma a zero dopo 3 match.

In attesa delle altre partite serali, tra cui spicca la sfida dell’Eire del Trap contro la Germania, segnaliamo in questo intenso venerdì di qualificazioni mondiale, la vittoria della Russia di Capello sul Portogallo di Cristiano Ronaldo per 1-0.

Non solo nazionali maggiori, non solo qualificazioni mondiali, in questo venerdì ricco di calcio, i play-off degli Europei Under 21, con l’Italia di Mangia, che ospita a Pescara la Svezia.