‘Domenica Live’ di Barbara D’Urso: trash e delirio.

«Proviamo a ricominciare da dove eravamo rimasti. Proviamo». Che ci ha provato è assodato, ma secondo voi è riuscita nel suo intento? Un infelice passaggio di chiavi tra il conduttore Alessio Vinci che si è fatto da parte per lasciare la conduzione a Barbara D’urso in questa ‘Domenica Live‘, che allunga il brodo di ‘Pomeriggio 5‘ in onda tutti i giorni sulle reti mediaset. La nuova conduttrice ci tiene a precisare che questa avventura la intraprende con molta ‘umiltà‘, ma evidentemente da sola non è bastata.

La prima storia, ovviamente, è dedicata al ‘gossip‘ del momento: la coppia inossidabile Carmen Russo ed Enzo Paolo Turchi che diventeranno genitori alla veneranda età 53 anni (lei) e 64 anni (lui). E ci rifilano così la storia della loro vita, della carriera e di una ‘punta‘ di egoismo che li hanno condotti ad avere un figlio in età avanzata. Quindi un quadro disperato su tutta l’inchiesta Russo-Turchi che tuttavia indipendenti dalle critiche mostrano che hanno tutte le energie per poter crescere un bambino.

Poi altri momenti trash in quel di ‘Domenica Live‘, come quello di Sgarbi che onestamente vi risparmiamo ma è degno di nota l’uso improprio che si fa del dibattito tra nord e sud, e ovviamente gli autori, o chicchessia, si sono giocati la carta fresca del ‘napoletano maleodorante‘ in confronto al nordista e a tutta la questione calcio ‘juventus e napoli’. Insomma un uso a sproposito di molti termini non inseriti intelligentemente visto l’argomento delicato. Ormai anche in televisione si è distrutto quel fragile equilibrio che ricalca il divario nord e sud.

Tante etichette sono uscite fuori durante il pomeriggio di ieri e se è stato fatto a posta, in modo che tutti parlassero del flop ‘conduttivo‘, bene ci sono riusciti! Alcuni termini prima li utilizzavano solo le reti estere per denigrarci, come pizza, mandolino… e invece ieri durante la trasmissione si è accennato a Maradona, ‘O sole io, Oh mia bella Madunina. E’ solo ironia questa o stiamo cercando proprio di offenderci da soli?

La caciara poi è stata condita con molto olio grazie alla presenza di alcuni volti noti che rappresentano bene questa diversità: da un lato ospiti leghisti Matteo Salvini e Gianluca Bonanno e dall’altra parte Guido Lembo e Patrizia Pellegrino. E un pubblico raddoppiato a dismisura, rispetto a quello presente in studio con Vinci, ha incominciato un incoraggiamento a mo’ di tifo affinché Salvini intonasse una canzone napoletana. E attenzione questo sembra aver irretito Barbara D’Urso dagli ‘occhi sempre lucidi‘ tanto che si è voltata verso la platea chiedendo gentilmente di smetterla visto che aveva avvisato loro di tenersi per se urli da stadio. E chissà cosa avrà pensato Vinci in quel momento…