Maltempo a Napoli: già si registrano i primi danni


Collegamenti marittimi bloccati nel golfo di Napoli: arrestata la partenza di aliscafi, jet e catamarani e traghetti fermi in banchina; isole prive di collegamenti con la terraferma ad eccezione di alcune corse straordinarie con Pozzuoli e Napoli (anche la compagnia privata Medmar ha interrotto i collegamenti). Tutto ciò a causa di un forte vento di scirocco forza 8 ed un mare molto mosso (forza 5-6), dirette conseguenze del ciclone “Minerva” che ha portato forti venti e piogge in tutta Italia. Allertati i vigili del fuoco, intervenuti  in tutto il napoletano(Bacoli e Casoria le più colpite, ma anche i quartieri Chiaia, Posillipo, Miano e Fuorigrotta), per danni di vario genere: vetri in frantumi, insegne commerciali distrutte, cornicioni di palazzi distaccati e caduti in strada, alberi pericolanti. In piazza Lauro a Sorrento una donna, Simona Morelli, è rimasta ferita a causa della caduta di un grosso ramo di un albero. Al momento dell’incidente erano presenti alcune persone prontamente intervenute a soccorrere la ragazza e ad avvisare i vigili del fuoco dell’accaduto. La Morelli è ora ricoverata all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Sorrento e ad un primo esame non sarebbe in gravi condizioni. Una curiosa quanto triste analogia collega la donna ad altre due vittime del crollo di una gru nel 2007, sue parenti. Attualmente le previsioni meteo annunciano un peggioramento delle condizioni meteo-marine nelle prossime ore.