Umbertide: omicidio di due bambini. Arrestato il padre

Tragedia nella provincia di Umbertide per l’omicidio di due bambini, uno di 8 e uno di 12 anni, che sono stati trovati privi di vita ieri in tarda serata presso la casa in cui vivevano con la madre. Secondo le indagini condotte dalla polizia a colpire il bimbo e la sua sorellina uccidendoli poi a coltellate, sarebbe stato il padre, un operaio marocchino di 44 anni, disoccupato, che si era da poco separato con la moglie.

L’uomo in seguito al folle gesto ha tentato di suicidarsi ferendosi alla gola, ma è riuscito a salvarsi. Si trova attualmente ricoverato in gravi condizioni all’Ospedale di Città di Castello, dove i militari lo sorvegliano senza sosta. Per l’uomo è stato decretato l’arresto per duplice omicidio. Resta tuttavia ancora da stabilire il movente del gesto anche se l’ipotesi più accreditata dalle forze dell’ordine sembra essere quella relativa alla separazione con la consorte. Infatti già tempo addietro i carabinieri sono dovuti intervenire al fine di sedare una forte lite incorsa tra i due coniugi.

La donna sembra che soltanto all’ inizio di questo mese sia sia trasferita con i bambini presso l’appartamento in provincia di Umbertide mentre il marito era residente a Città di Castello. La donna si era recata a lavorare come cameriera in un ristorante, per cui i due bambini erano soli a casa. Da quanto emerso sembra che l’uomo abbia telefonato la moglie annunciandole la sua intenzione di suicidarsi.

Sono stati chiamati i soccorsi, ma non è ancora chiaro se a telefonare il 118 sia stato stesso l’uomo o la donna che rientrata a casa in seguito alla telefonata, ha appreso la tragedia. I carabinieri una volta entrati in casa hanno ritrovato i corpi dei due bimbi morti in bagno e accanto ad essi un coltello che presumibilmente ha costituito l’arma del delitto.

Molti dettagli sono ancora da chiarire come l’effettiva dinamica del duplice omicidio, ma la cosa su cui gli inquirenti sembrano non avere dubbi è il fatto che il responsabile dell’accaduto sia il padre. Pochi i commenti delle persone del paese, sembra infatti che nessuno conoscesse la famiglia neanche nel bar che era vicino casa.