Filippine, tifone causa 230 morti e centinaia di dispersi

Sale ancora il numero delle vittime a causa del disastro che in questi giorni ha colpito le Filippine con il passaggio del terribile tifone ‘Bopha’. Finora in base a quanto è stato riferito dalle autorità locali, il bilancio è di 238 morti accertati mentre continuano ad essere centinaia i dispersi.Attualmente gli sfollati sono circa 120mila.

La tempesta si è rivelata la più forte che abbia colpito il sud est asiatico nell’arco dell’ultimo anno. Violenti piogge e forti raffiche di vento che hanno raggiunto i 120 Km orari, hanno devastato l’isola di Mindanao a sud. Un vero e proprio fiume di fango ha oltrepassato la città meridionale di New Bataan distruggendo tutte le abitazioni del posto e causando un cospicuo numero di morti e dispersi.

La tempesta che negli ultimi giorni ha imperato a sud si è ora diretta verso le Filippine settentrionali. Oggi è stata sconvolta l’isola di Palawan importante meta turistica nota per le sue spiagge da sogno.

Intanto il Presidente Benigno Aquino ha proclamato lo stato di allerta invitando l’intera popolazione alla massima cautela in vista della persistenza del tifone che in base a quanto è stato stimato, continuerà a sconvolgere le Filippine ancora per un pò. Sembra che la tempesta raggiungerà anche il Mar Cinese infatti le autorità locali hanno tassativamente vietato la navigazione in quelle acque.