Risultati serie A: L’Udinese vola la Lazio inciampa

RISULTATI SERIE ALa 16° giornata di serie A si conclude con i due posticipi Sampdoria-Udinese (0-2) e Bologna-Lazio (0-0), per effetto di tali risultati l’Udinese sale all’ottavo posto in classifica con 22 punti in coabitazione con il Catania, mentre i biancocelesti a quota 30 salgono al 4° posto a -3 dalla zona Champions.

SAMPDORIA-UDINESE – I Blucerchiati reduci dall’incoraggiante pareggio del Franchi ma decimati dagli infortuni ospitano l’Udinese di Guidolin forte del 4-1 rifilato al Cagliari la scorsa domenica. Parte bene la Samp ma al 17° è l’Udinese a passare, angolo di Di Natale, la difesa doriana dorme, e lascia Danilo solo in area che indisturbato insacca di testa 1-0. I blucerchiati generosamente tentano di agguantare il pareggio, ma così facendo si scoprono favorendo i contropiedi della squadra friulana, infatti, al 27° è ancora l’Udinese a passare, Di Natale lancia Badu, il pallone viene però intercettato da Berardi, che nel tentativo di spazzare rinvia la palla sul corpo del centrocampista bianconero, arriva così come un falco ancora Di Natale che supera in dribbling Romero e deposita comodamente la palla in rete, 2-0 e titoli di coda sulla prima frazione di gioco. In avvio di ripresa Ferrara cambia pelle alla Samp inserendo Pozzi di ritorno da un infortunio al posto di Maresca sistemando la squadra con un più equilibrato 4-4-2, poco dopo però il tecnico partenopeo è costretto a fare un altro cambio, infatti Gastaldello già non in perfette condizioni fisiche prima del match è costretto ad uscire, al suo posto entra Estigarribia. Al 12° c’è l’episodio che può cambiare la partita, Icardi viene steso in area di rigore da Allan e Gervasoni decreta il penalty, Pozzi si incarica della battuta e calcia alla destra di Brkic, il portiere serbo si tufa e para. La Samb sbaglia tanto in difesa ma l’Udinese non ne approfitta, al 35° Di Natale con un destro a rientrare cerca la doppietta personale ma Romero sfodera la paratona finisce così 2-0 per i friulani che dopo un avvio di stagione non certo esaltante adesso sembrano rivedere la luce alla fine del tunnel.

BOLOGNA-LAZIO – Sul campo ghiacciato del Dall’Ara tutti attendono il ritorno in campo di Klose ma Petkovic decide di preservare il tedesco in vista della partitissima di sabato sera contro l’Inter, e schiera in avanti Kozak supportato da Mauri, Hernanes e Candreva. Pioli da par suo schiera Gilardino assistito pochi metri più dietro da Kone e Diamanti, è proprio quest’ultimo a rendersi pericoloso in avvio di gara con una girata al volo che termina di poco fuori. Il Bologna parte bene ma con il passare dei minuti arretra il proprio baricentro offrendo campo alla Lazio che però si rende pericolosa solo in due occasioni, la prima con un tiro di Candreva ben parato da Agliardi e la seconda con una fucilata di Biava disinnescata in stile Garella dal portiere Bolognese, si conclude così un primo tempo privo di particolari emozioni. In avvio di ripresa è ancora il Bologna a comandare il match, Gilardino si libera bene e serve il match-ball a Taider che vede la propria conclusione rimpallata dall’ottimo rientro di Radu. Passano pochi minuti ed è ancora la squadra emiliana ad andare vicina al vantaggio, Guarente (intanto entrato al posto di Perez) mette i brividi a Marchetti con un tiro da fuori area che sfiora il palo. Poco dopo la squadra rossoblù si rende ancora una volta pericolosa con un velenoso cross di Taider su cui Gilardino arriva in ritardo. Petkovic non ci sta e decide di cambiare volto alla Lazio, inserisce Lulic per Gonzalez e Klose per Candreva, l’ex Bayern, però si affianca a Kozak solo per pochi minuti, infatti poco dopo il ceco si fa espellere da Damato per doppia ammonizione costringendo la Lazio a concludere il match in inferiorità numerica. La partita si conclude 0-0 ma tra le due formazioni ad avere rimpianti è soprattutto il Bologna che ha sviscerato ancora una volta un buon calcio, male la Lazio, senza idee e senza carattere.